Pompei, l'artista Cai Guo-Qiang ricreerà con polvere e fuochi l'esplosione del Vesuvio che distrusse la città


Giovedì 21 febbraio 2019, alle ore 12, all’Anfiteatro di Pompei l’artista cinese Cai Guo-Qiang (Quanzhou, 1957) terrà l’evento Explosion Studio che prevede l’utilizzo, da parte dell’artista, di polvere da sparo e fumi colorati per ricreare l’eruzione del Vesuvio che distrusse Pompei nel 79 d.C.

Cai Guo-Qiang è famoso per le sue creazioni artistiche con i fuochi d’artificio, una ricerca che l’artista prosegue dal 1984. Cai Guo-Qiang si è peraltro messo di recente in evidenza nel nostro paese con una mostra agli Uffizi e con l’evento dei “fuochi d’artificio di giorno” che ha incantato Firenze.

All’evento saranno presenti la direttrice del Parco Archeologico di Pompei, Alfonsina Russo, il Direttore del MANN di Napoli, Paolo Giulierini, e il curatore artistico del progetto, Jérôme Neutres.

Lo spettacolo Explosion Studio, evento chiuso e riservato solo a coloro che sono stati invitati, fungerà da inaugurazione della mostra In the Volcano. Cai Guo-Qiang and Pompeii, sempre a cura di Jérôme Neutres, che aprirà i battenti al MANN di Napoli il giorno successivo, venerdì 22 febbraio alle ore 16.30: nella rassegna verranno esposti i risultati delle esplosioni dello spettacolo che la precede. La mostra rimarrà aperta fino al 20 maggio.

Per saperne di più potete dare un’occhiata al video postato su Youtube che troverete in questo link oppure visitare il sito del MANN.

Fonte: comunicato

Pompei, l'artista Cai Guo-Qiang ricreerà con polvere e fuochi l'esplosione del Vesuvio che distrusse la città
Pompei, l'artista Cai Guo-Qiang ricreerà con polvere e fuochi l'esplosione del Vesuvio che distrusse la città


Acquista il nostro libro Cronache dal mondo dell'arte 2020
Tutto il 2020 in un libro di 430 pagine con 60 fotografie a colori, in una selezione di 60 articoli scelti dalla redazione di Finestre sull'Arte.
CLICCA QUI
PER INFORMAZIONI



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER