La grande arte del Canaletto arriva al Cinema


Arriva nelle sale da domani a mercoledì il film ’Canaletto a Venezia’ dedicato al grande pittore veneziano del Settecento.

Per un periodo limitato, ovvero nei giorni 27, 28 e 29 Novembre, arriva nelle sale cinematografiche “Canaletto a Venezia”, un film incentrato sul Canaletto, il grande Antonio Canal.

Dopo Van Gogh e Bosch, il ciclo “La Grande Arte al Cinema” ci illustrerà le opere del vedutista veneziano del XVIII secolo, molte delle quali sono state esposte nella mostra “Canaletto e l’arte di Venezia”, recentemente tenutasi presso la Galleria della Regina a Buckingham Palace (si è chiusa lo scorso 12 novembre 2017). Lo spettatore verrà introdotto all’arte del Canaletto attraverso tre fasi: Immagini, delle opere, della mostra e di Venezia; Parole, quelle dei curatori della mostra, degli storici e degli esperti d’arte; Musica, delle opere liriche che risuonavano negli affollati teatri settecenteschi.

Per approfondire meglio l’argomento, il film si concentrerà sulla figura di Joseph Smith, console britannico a Venezia che si occupò di commercio, ma che ben presto il suo interesse si allargò all’arte.
Diventato importante mecenate in città, il console instaurò un lungo e proficuo rapporto con Canaletto. Il film è diretto da David Bickerstaff, che lo ha scritto assieme a Phil Grabsky, ed è disponibile in HD e 4K.

Per sapere in quali sale il film sarà proiettato, potete visitare il sito di Nexo Digitale, distributore della pellicola in Italia.

La grande arte del Canaletto arriva al Cinema
La grande arte del Canaletto arriva al Cinema


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER