Il MiBACT apre un portale musicale con migliaia di canzoni ascoltabili gratuitamente


Il MiBACT ha aperto un grande portale dedicato alla musica italiana, con migliaia di canzoni ascoltabili gratuitamente.

Il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo ha presentato a Roma il portale Canzone italiana 1900-2000: una grande risorsa con decine di playlist di musica italiana dal 1900 al 2000, ascoltabili gratuitamente (previa installazione del programma Spotify). Sono in tutto circa 200.000 i brani raccolti nel catalogo del portale, raggiungibile all’indirizzo www.canzoneitaliana.it.

Nel portale c’è davvero di tutto: dai capolavori degli Area al progressive della PFM, dal rock dei CCCP e dei Litfiba alle canzoni politiche di Giorgio Gaber e Francesco Guccini, dal pop di Mina, Celentano, Edoardo Vianello, Peppino di Capri e altri fino ad arrivare alla canzone d’autore di Fabrizio De Andrè, Ivano Fossati, Pierangelo Bertoli e altri. Non mancano poi i nomi più noti della musica italiana, da Zucchero a Vasco Rossi, da Iva Zanicchi a Gigliola Cinquetti, da Lucio Battisti a Eros Ramazzotti, per arrivare a Laura Pausini e Andrea Bocelli. Ci sono poi sezioni speciali riservate alle canzoni per bambini, alle canzoni folkloristiche, alle romanze e alla musica dei primi del Novecento. Non manca inoltre una sezione dedicata al festival di Sanremo.

Canzone italiana è reso possibile grazie al lavoro dell’Istituto Centrale per i Beni Sonori e Audiovisivi (l’ex Discoteca di Stato) che ha collaborato con Spotify, il celebre servizio musicale svedese che permette di ascoltare gratuitamente i brani.

Il MiBACT apre un portale musicale con migliaia di canzoni ascoltabili gratuitamente
Il MiBACT apre un portale musicale con migliaia di canzoni ascoltabili gratuitamente


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER