Il Museo della Scienza e Tecnologia di Milano porta la sua collezione in un videogioco per Nintendo


Nelle ultime settimane sta spopolando il videogioco Animal Crossing: New Horizons, l’ultimo titolo della serie di simulatori di vita di Nintendo in cui i giocatori possono costruire e arredare case in un villaggio (o su un’isola, come avviene in questo episodio) popolato da animali antropomorfi.

Il Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci ha deciso di cavalcare l’onda del successo del gioco con un’iniziativa che avrà luogo dal 18 al 31 maggio, in tempo per i festeggiamenti della Giornata Internazionale dei Musei. Durante questo periodo, il museo mette a disposizione dei giocatori, tramite dei QR Code, alcuni degli oggetti e opere d’arte che custodisce da poter scegliere per allestire il proprio museo personale gestito da Blatero, uno dei personaggi del gioco. Tra questi possiamo trovare un’Alfa Romeo Gran Premio 512, una locomotiva Gr. 691-022 FS, il dipinto Invito alla danza di Mosè Bianchi e praticamente tutte le invenzioni più famose di Leonardo da Vinci. Sul sito del museo troverete la pratica guida per partecipare a questa simpatica caccia al timbro.

Animal Crossing: New Horizons è disponibile per la console Nintendo Switch.

Il Museo della Scienza e Tecnologia di Milano porta la sua collezione in un videogioco per Nintendo
Il Museo della Scienza e Tecnologia di Milano porta la sua collezione in un videogioco per Nintendo


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER