A Ostenda, nelle Fiandre, alla scoperta di James Ensor


Stay at Home Museum: le Fiandre conducono virtualmente il pubblico a Ostenda, sulle tracce di James Ensor. 

Prosegue il progetto delle Fiandre Stay at Home Museum: in occasione della quarta puntata, il tour virtuale conduce virtualmente il pubblico a Ostenda, alla scoperta di James Ensor

La visita virtuale è condotta da Mieke Mels, curatrice del Mu.ZEE, il museo d’arte moderna della città portuale che attualmente conta ben sedici opere dell’artista provenienti dal Museo di Belle Arti di Anversa (KMSKA), chiuso per interventi di restauro. 

Ostenda è la città natale di Ensor, in cui l’artista ha sviluppato la sua passione ossessiva per le folle e per il mare: la città si affaccia sul Mare del Nord e, mentre in passato costituiva un piccolo villaggio di pescatori, oggi è un’apprezzata meta balneare e gastronomica, nonché punto di partenza per scoprire la costa belga. Passeggiare tra le strade di Ostenda significa scoprire i paesaggi, gli scorci e le atmosfere delle opere dell’artista. 

Ensor raffigura un’umanità grottesca e deformata e suoi soggetti ricorrenti sono le maschere e lo scheletro, attraverso cui propone un’amara critica alla politica, alle forze armate e alla religione. 

L’appuntamento con James Ensor è alle 19 del 29 aprile sul canale Facebook Flemish Masters 2018-2020. Seguirà un momento esclusivo di Questions & Answers aperto a tutti gli utenti. 

Immagine: James Ensor, L’Intrigo (1890; Antwerpen, Koninklijk Museum voor Schone Kunsten), 

A Ostenda, nelle Fiandre, alla scoperta di James Ensor
A Ostenda, nelle Fiandre, alla scoperta di James Ensor


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana    

NEWSLETTER