L'amore secondo Camillo Boccaccino protagonista del sesto dialogo alla Pinacoteca di Brera


Alla Pinacoteca di Brera, dal 29 marzo 2018, si tiene il sesto appuntamento coi dialoghi, dal titolo ’Attorno agli amori. Camillo Boccaccino sacro e profano’

Riaprono il 29 marzo i saloni napoleonici della Pinacoteca di Brera a Milano, con i nuovi allestimenti di sette sale (la VIII, la IX, la X, la XI, la XII, la XIV e la XV), completamente rinnovate: per l’occasione, il museo milanese inaugura anche il sesto dei “dialoghi”, la collana di piccole mostre che rileggono i capolavori della collezione con l’aiuto di opere in prestito. Il sesto dialogo s’intitola Attorno agli amori. Camillo Boccaccino sacro e profano, è curato da Francesca Debolini e Marco Tanzi, e pone a confronto due opere a tema mitologico dell’artista lombardo Camillo Boccaccino (Cremona, 1504/1505 – 1546), ovvero la Venere e Amore, proveniente dalla collezione Geo Poletti e nel Cinquecento lodatissima in un sonetto di Giovanni Paolo Lomazzo, e l’Amore che si specchia nello scudo, assieme all’elegante Venere e Amore di Giulio Cesare Procaccini (Bologna, 1574 - Milano, 1629), di collezione privata come l’Amore che si specchia. Non solo: in dialogo con le opere ci sarà anche un’altra opera della Pinacoteca di Brera, la Madonna col Bambino in gloria coi santi Bartolomeo, Giovanni Battista, Alberto da Trapani e Girolamo che Camillo Boccaccino realizzò per la chiesa carmelitana di San Bartolomeo a Cremona.

“A differenza dei precedenti dialoghi, che proponevano una giustapposizione diretta delle opere”, si legge nella presentazione, "il sesto appuntamento invita lo sguardo del visitatore a spaziare, imbastendo una teoria di echi e rimandi da un lato all’altro della sala. L’allestimento coinvolgerà in modo dinamico la sala XV, poiché prevede la sistemazione della Madonna col Bambino di Brera sulla parete di fondo e l’esposizione delle opere in prestito (Amore che si specchia nello scudo e Venere e Amore di Boccaccino, Venere e Amore di Procaccini) sulla parete destra".

Col rinnovamento delle sale Napoleoniche si è quasi completata la totale trasformazione del museo, come afferma il direttore della Pinacoteca, James Bradburne: “In poco più di due anni abbiamo trasformato 36 delle 38 sale espositive della Pinacoteca, mettendo il visitatore al centro della collezione permanente nuovamente valorizzata. Il percorso e più chiaro, più accessibile e più emozionante, arricchito con nuove tipologie di didascalie e nuove panche. Siamo quasi alla fine di questa fase, che si conclude il 14 giugno con il settimo dialogo: pronti ad affrontare la sfida di portare a termine la visione di Franco Russoli di una Grande Brera”.

Per tutta la giornata di giovedì 29 marzo, inaugurazione delle sale rinnovate e del sesto dialogo, la Pinacoteca di Brera rimarrà aperta con ingresso gratuito, dalle 8:30 alle 19:15. L’orario di visita è lo stesso di tutti gli altri giorni (tranne il lunedì, giorno di chiusura). Al dialogo e alle sale, dal 30 marzo in poi, si accede col normale biglietto: 10 euro l’intero, 7 euro il ridotto. Gratis per tutti la prima domenica di ogni mese. Info su pinacotecabrera.org.

Immagine: Camillo Boccaccino, Madonna col bambino in gloria tra i santi Bartolomeo, Giovanni Battista, Alberto da Trapani e Girolamo, dettaglio (1532; olio su tela; 296 × 165 cm; Milano, Pinacoteca di Brera)

L'amore secondo Camillo Boccaccino protagonista del sesto dialogo alla Pinacoteca di Brera
L'amore secondo Camillo Boccaccino protagonista del sesto dialogo alla Pinacoteca di Brera


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE







Login abbonamento online


Password dimenticata

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

Strumenti utili