Vercelli, termina il restauro della Torre dell'Angelo, simbolo della città


Finiscono i lavori di restauro alla Torre dell’Angelo di Vercelli, cominciati nell’autunno del 2018: l’edificio, che deve il nome alla leggenda secondo cui un angelo in tempi antichi avrebbe salvato un uomo che stava cadendo dalla torre, è uno dei simboli della città ed è stato eccezionalmente aperto al pubblico, che questo fine settimana ha potuto salire i 220 gradini per arrivare alla grande terrazza sulla sommità e vedere Vercelli dall’alto. Le salite avvengono tramite piccoli gruppi accompagnati dalle guide, che durante la visita illustreranno la storia del monumento e della città.

Nei prossimi giorni, i tecnici valuteranno quali interventi rimangono da ultimare ma il cantiere, ha dichiarato l’architetto Stefano Bagliani, responsabile dei lavori, può dirsi concluso al 95%. I lavori sono stati possibili grazie a un investimento di 500.000 euro da parte del Comune, con un contributo della Compagnia di San Paolo, e sono stati di natura conservativa: risistemati i gradini, eliminate le colature di cemento risalenti agli anni Ottanta, impermeabilizzato il tetto, aggiunti dispositivi di protezione contro l’azione dei piccioni, recuperate dove possibili le decorazioni originarie aggredite da muffa e depositi, ed eseguito un intervento di pulitura sia all’interno sia all’esterno. La torre verrà inoltre dotata di una nuova illuminazione: l’impianto sarà realizzato nei prossimi mesi. Sempre prossimamente, si discuterà sull’eventualità di prevedere l’apertura permanente e continua al pubblico.

La Torre dell’Angelo si trova in piazza Cavour (la principale della città piemontese), raggiunge i 39 metri d’altezza e ha origini medievali, anche se la sopraelevatura è frutto di rimaneggiamenti tardo ottocenteschi (sebbene l’aspetto sia del tutto simile a quello antico: nelle stampe del Seicento si vede infatti la torre con una configurazione simile a quella che si può ammirare al giorno d’oggi). Faceva parte di un antico palazzo gentilizio oggi non più esistente, e la cui proprietà non è nota. È composta da una base quadrata sulla quale svetta un corpo di forma ottagonale, concluso sulla sommità dalla sopraelevazione aggiunta nel XIX secolo.

Nell’immagine: piazza Cavour a Vercelli con, sullo sfondo, la Torre dell’Angelo. Ph. Credit

Vercelli, termina il restauro della Torre dell'Angelo, simbolo della città
Vercelli, termina il restauro della Torre dell'Angelo, simbolo della città

Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER







Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

Strumenti utili