Renzi propone di riaprire le librerie: “bisogna nutrire anche l'anima”


Il senatore ed ex premier Matteo Renzi lancia la proposta di riaprire le librerie anche se l’emergenza non è terminata.

Riaprire le librerie: è la proposta dell’ex presidente del consiglio e senatore di Italia Viva Matteo Renzi, lanciata oggi in Senato durante il suo intervento. Rivolgendosi direttamente al premier Giuseppe Conte, Renzi ha espresso la volontà, da parte del suo partito, di garantire il supporto necessario (“noi ci siamo, signor Presidente”), e ha previsto (anche se non si sa quali basi) che l’emergenza sarà lunga: “il Covid ce lo porteremo dietro perlomeno per due anni, finché non avremo modo non soltanto di sperimentare il vaccino e di testarlo, ma anche di vederne gli effetti. È chiaro che noi, se abbiamo due anni davanti, non possiamo stare per tutto questo tempo chiusi in casa; non possiamo tenere due anni gli italiani fermi senza lavorare. Il Covid è un’emergenza che per i prossimi due anni ci sarà”.

Quanto alla proposta di riaprire le librerie, Renzi ha chiesto a Conte “la massima attenzione sulla scuola perché i ragazzi siano valutati prima della fine dell’anno”, e per tale ragione ha voluto chiedere “qualche gesto simbolico come, ad esempio, con tutti i crismi della sicurezza, quello di riaprire le librerie, perché bisogna nutrire anche l’anima. Così come si tengono aperte le edicole, bisogna riaprire le librerie”.

Renzi propone di riaprire le librerie: “bisogna nutrire anche l'anima”
Renzi propone di riaprire le librerie: “bisogna nutrire anche l'anima”


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE







Login abbonamento online


Password dimenticata

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

Strumenti utili