Biella dedica una mostra a due icone: Marilyn e Coco


A Biella una grande mostra dedicata a due icone del Novecento: Coco Chanel e Marilyn Monroe.

Dal 22 maggio al 12 settembre 2021 la Fondazione Cassa di Risparmio di Biella apre al pubblico gli spazi espositivi di Palazzo Gromo Losa in occasione di una grande mostra dedicata a due icone del Novecento: Coco Chanel e Marilyn Monroe.

La mostra dal titolo Coco + Marilyn. Biella al centro del MI-TO è curata dall’agenzia Photo OP ed è realizzata grazie al sostegno di Biver Banca, main sponsor del progetto. La rassegna riunisce oltre cento scatti che ritraggono le due donne realizzati dal fotografo canadese Douglas Kirkland. Con una lunga carriera a Hollywood, Kirkland è noto per aver ritratto tutte le più grandi star del cinema e per aver lavorato sui set di oltre 150 produzioni cinematografiche.

Biella al centro del MI-TO è la celebre frase con la quale Michelangelo Pistoletto ha disegnato geograficamente, ma anche idealmente e culturalmente la città di Biella e a cui ha donato il logo del Terzo Paradiso.

Già presentata a Budapest e a Helsinki, Coco + Marilyn giunge quindi a Biella, città creativa Unesco per il tessile, in occasione  del cinquantesimo anniversario della morte di Chanel e del centesimo anniversario del lancio del profumo Chanel N°5.

Kirkland fotografò Marilyn Monroe e Coco Chanel all’inizio degli anni Sessanta, quando lavorava per la rivista Look. Le sue immagini senza tempo, scattate sessant’anni fa, offrono al visitatore un duplice percorso: un viaggio nel culto delle star di Hollywood, con la bellezza di Marilyn, e un tuffo nella storia della moda, con l’intramontabile eleganza di Coco Chanel.

Le opere sono anche occasione per una visione diretta dei primi tempi d’oro della fotografia, intesa come elemento centrale della moderna cultura del consumo e della comunicazione.

“Con questo nuovo progetto espositivo” ha affermato Franco Ferraris, Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, “abbiamo immaginato di dar vita a un vero e proprio innesco per la città di Biella, con l’obiettivo di costruire una proposta culturale di qualità in grado di parlare di noi, di raccontare questo territorio, le sue ricchezze e il suo potenziale. Siamo consapevoli, infatti, di poter contare non solo su un progetto espositivo d’interesse, ma su un intero sistema di proposte culturali, storiche, paesaggistiche, naturalistiche, gastronomiche, capaci di rappresentare una meta per quel turismo di prossimità, anche oltre le grandi aree di Milano e Torino, che oggi è di fatto la nostra forma di viaggio possibile”.

La mostra coinvolgerà tutto il territorio all’insegna della creatività, della rinascita e della bellezza, coinvolgendo numerosi enti e associazioni che collaboreranno a un ricco calendario di eventi collaterali.
La ricerca storico-archivistica del progetto è condotta dal Centro Rete Biellese Archivi Tessili e Moda.
Inoltre, presso lo Spazio Cultura, la Fondazione presenterà Ricucire il futuro, mostra di bozzetti e abiti ispirati ai valori della moda di Chanel e ai temi della sostenibilità realizzata dagli studenti dell’ITS TAM.

Città Studi, attraverso il lavoro dei partecipanti ai corsi sui temi tessili e sul marketing, proporrà poi il percorso Walking like a star, in cui gli studenti immagineranno di creare un itinerario di visita e un guardaroba di abiti creati appositamente per un ipotetico viaggio estivo di piacere di Marilyn nel biellese.

Nel corso della durata dell’esposizione, saranno proposti a Palazzo Gromo Losa brunch a tema, con menu di cucina americana, francese, biellese e ricette a base di fiori.

Biella dedica una mostra a due icone: Marilyn e Coco
Biella dedica una mostra a due icone: Marilyn e Coco


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma