Riprendono le mostre a Portofino con la bipersonale di Riccardo Guarneri e Gioni David Parra


Ricominciano le mostre nella storica sede del Castello Brown di Portofino: dal 4 giugno al 10 luglio via a “Corrispondenze”, bipersonale dei due artisti toscani Riccardo Guarneri e Gioni David Parra, a cura di Alberto Dambruoso.

Una doppia personale per due artisti toscani in trasferta in Liguria. Dal 4 giugno al 10 luglio, il Castello Brown di Portofino ospita infatti la bipersonale Corrispondenze, che vede protagonisti un nome storico dell’astrazione italiana, quello di Riccardo Guarneri (Firenze, 1933), e un protagonista della scultura italiana contemporanea, Gioni David Parra (Pisa, 1962). La rassegna è curata dallo storico dell’arte Alberto Dambruoso, che ha scelto questo titolo e ha deciso di far dialogare i due artisti sia per il lungo rapporto di reciproca amicizia che li lega, sia per i numerosi richiami che si possono notare tra i lavori, seppur molto differenti, dei due protagonisti.

All’interno del Castello Brown, tra gli anni Settanta e Novanta, il gallerista Daniele Crippa si è occupato dell’allestimento di mostre d’arte rimaste nella storia, dove tra i nomi più illustri figurano Arman, Afro, Capogrossi, Casorati, Dova, Festa, Gilardi, Manzoni, Mitoraj, Parmiggiani, Pomodoro, Rotella, Scanavino, Schifano, Vedova e molti altri. Con la precedente mostra dell’estate 2021, dedicata a Elio Marchegiani, si è dato il via alla ripresa delle mostre al castello, con un calendario rilanciato dallo stesso Daniele Crippa. La bipersonale di Guarneri e Parra è dunque il secondo capitolo di questa nuova fase della storia del castello.

“Riccardo Guarneri e Gioni David Parra”, spiega Alberto Dambruoso, “sono due artisti di generazioni diverse (di fatto Parra potrebbe essere un allievo di Guarneri), con percorsi differenti e soprattutto operanti in due ambiti totalmente diversi: il primo è un pittore e il secondo uno scultore con un forte senso della materia e del colore. Se questi sono i punti che differenziano i due artisti, molti di più però, sono quelli che, al contrario, li pongono su di un piano di assoluta consonanza. In primis, comune per non dire identico, è l’approccio alla ricerca artistica, intesa da parte di entrambi quale indagine analitica delle componenti strutturali, segniche, materiche e cromatiche dell’opera d’arte. Lo studio sugli effetti luministici sulla tela del primo e sul marmo del secondo, è un altro dato in comune, come anche il ricorso in generale a elementi costruttivi di ordine geometrico. D’altronde sia Guarneri sia Parra sono toscani e il disegno e la geometria in quella regione sono notoriamente di casa, costituendo una sorta di DNA artistico presente in pressoché tutti gli artisti nati nella terra di Masaccio, di Piero, del Brunelleschi, del Donatello e di Paolo Uccello. Nella mostra ordinata presso il Castello di Portofino, il dialogo instaurato tra i due artisti non poteva quindi che essere all’insegna delle reciproche corrispondenze”.

La mostra è accompagnata da un catalogo Gli Ori Editore. Per tutte le info è possibile visitare il sito del Centro Internazionale di scultura all’aperto di Portofino.

Immagine: Gioni David Parra, MatterMusic I (2022; marmo bianco e foglia oro su spartito incollato su tavola incorniciata e velluto nero, 66 x 54 x 7 cm)

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraCorrispondenze. Riccardo Guarneri e Gioni David Parra
CittàPortofino
SedeCastello Brown
DateDal 04/06/2022 al 10/07/2022
ArtistiRiccardo Guarneri, Gioni David Parra
CuratoriAlberto Dambruoso
TemiArte contemporanea

Riprendono le mostre a Portofino con la bipersonale di Riccardo Guarneri e Gioni David Parra
Riprendono le mostre a Portofino con la bipersonale di Riccardo Guarneri e Gioni David Parra


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


A Palermo apre la mostra “Mapping”, personale di Julien Friedler
A Palermo apre la mostra “Mapping”, personale di Julien Friedler
Milano, la Biblioteca Ambrosiana mette a confronto Leonardo da Vinci e Guido da Vigevano e le loro anatomie in figure
Milano, la Biblioteca Ambrosiana mette a confronto Leonardo da Vinci e Guido da Vigevano e le loro anatomie in figure
A Pistoia una grande antologica dedicata ad Aurelio Amendola, tra antico e contemporaneo
A Pistoia una grande antologica dedicata ad Aurelio Amendola, tra antico e contemporaneo
Brescia, l'omaggio a Joseph Beuys con una singolare mostra di fotografie
Brescia, l'omaggio a Joseph Beuys con una singolare mostra di fotografie
Milano, alla Braidense in mostra i libri antichi di Umberto Eco. Ricreato anche il suo Studiolo
Milano, alla Braidense in mostra i libri antichi di Umberto Eco. Ricreato anche il suo Studiolo
A Bologna gli abiti scultura di carta di Caterina Crepax all'insegna della sostenibilità
A Bologna gli abiti scultura di carta di Caterina Crepax all'insegna della sostenibilità