La doppia personale di Fasoli e Hell'O Collective alla Magma Gallery di Bologna


Alla MAGMA Gallery di Bologna è in corso fino al 11 luglio Someone is watching you, la doppia mostra personale di Franco Fasoli e Hell’O Collective, due nomi internazionali accomunati dai colori vivaci e dalle composizioni che rimandano ad un universo surreale, declinato in due maniere differenti.

Il duo belga Hell’O Collective (formato da Jérôme Meynen, 1982 e Antoine Detaille, 1980), attraverso una rigorosa esecuzione, rappresenta un mondo di figure bizzarre e misteriose simili ad una visione onirica o ad un rebus simbolico. Il mondo da loro descritto è surreale e colorato, caratterizzato da una rigorosa esecuzione, popolato da figure bizzarre e da misteriosi simboli. Un mondo a volte grottesco ma sempre poetico, in cui si alternano e si ritrovano quesiti filosofici e non-sense, lasciando al pubblico la libertà di seguire ed esplorare il percorso preferito. Un carnevale gioioso e macabro, silenzioso e chiassoso al tempo stesso, da cui emerge il loro grande controllo compositivo e cromatico. Importanti, tra le altre mostre, non solo la personale al BAM di Mons del 2018 dedicata ai loro primi 10 anni di carriera, ma anche le mostre al Musée d’Ixelles e al Palais des Beaux-Arts Bozar, entrambi a Bruxelles.

Franco Fasoli (noto anche come Jaz; Buenos Aires, 1981), uno degli artisti più noti e talentuosi della scena argentina, lavora invece, più figurativamente, sul tema dell’identità e sul rapporto tra cultura globale e sottoculture, rappresentando con un tocco di ironia scene di vita quotidiana, di spazi privati, o inscenando conflitti e scontri tra figure allegoriche metà uomo e metà bestia che visivamente sembrano far parte di un mondo surreale, ma semanticamente fanno riferimento a una realtà sociale e identitaria ben definita.

Scenografo e muralista, Fasoli inizia a immaginare le strade come una tela alla fine degli anni Novanta. Già in queste prime esperienze si nota l’influenza dello studio e della passione per la ceramica e, al tempo stesso, del legame forte con la tecnica del “fileteado”, tipico della capitale argentina. Di lì a breve il suo stile si evolve, allontanandosi dal writing più tradizionale, introducendo nel suo lavoro la rappresentazione delle vere contraddizioni delle società latinoamericane, i loro rituali e la loro apparentemente perenne instabilità. Uno degli aspetti più sorprendenti del suo lavoro è la sua esplorazione di materiali e dimensioni.

La tensione tra la cultura globale dominante e le sottoculture come spazi di resistenza lo ha influenzato sia a livello concettuale che nelle sue azioni nel corso della sua carriera. Molteplici forme di identità individuale e collettiva costituiscono la spina dorsale sociologica della sua opera. Il conflitto, lo scontro, la destrutturazione della scena ritratta sono alcuni degli elementi utilizzati da Fasoli per stimolare la visione e la percezione del pubblico. Il concetto di identità è infatti uno dei cardini fondanti del suo lavoro, sia nei murales che nei dipinti su tela o nelle sculture. La sua ricerca esplora come si formano identità individuali e collettive e il rapporto in continuo mutamento tra esse.

Per tutte le informazioni potete visitare il sito ufficiale del MAGMA.

Nell’immagine: Franco Fasoli, Contacto Visual (2020; carta fatta a mano su tela, 110 x 90 cm).

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraSomeone is watching you
CittàBologna
DateDal 06/06/2020 al 11/07/2020

La doppia personale di Fasoli e Hell'O Collective alla Magma Gallery di Bologna
La doppia personale di Fasoli e Hell'O Collective alla Magma Gallery di Bologna


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma