La doppia personale di Fasoli e Hell'O Collective alla Magma Gallery di Bologna


Alla MAGMA Gallery di Bologna è in corso fino al 11 luglio Someone is watching you, la doppia mostra personale di Franco Fasoli e Hell’O Collective, due nomi internazionali accomunati dai colori vivaci e dalle composizioni che rimandano ad un universo surreale, declinato in due maniere differenti.

Il duo belga Hell’O Collective (formato da Jérôme Meynen, 1982 e Antoine Detaille, 1980), attraverso una rigorosa esecuzione, rappresenta un mondo di figure bizzarre e misteriose simili ad una visione onirica o ad un rebus simbolico. Il mondo da loro descritto è surreale e colorato, caratterizzato da una rigorosa esecuzione, popolato da figure bizzarre e da misteriosi simboli. Un mondo a volte grottesco ma sempre poetico, in cui si alternano e si ritrovano quesiti filosofici e non-sense, lasciando al pubblico la libertà di seguire ed esplorare il percorso preferito. Un carnevale gioioso e macabro, silenzioso e chiassoso al tempo stesso, da cui emerge il loro grande controllo compositivo e cromatico. Importanti, tra le altre mostre, non solo la personale al BAM di Mons del 2018 dedicata ai loro primi 10 anni di carriera, ma anche le mostre al Musée d’Ixelles e al Palais des Beaux-Arts Bozar, entrambi a Bruxelles.

Franco Fasoli (noto anche come Jaz; Buenos Aires, 1981), uno degli artisti più noti e talentuosi della scena argentina, lavora invece, più figurativamente, sul tema dell’identità e sul rapporto tra cultura globale e sottoculture, rappresentando con un tocco di ironia scene di vita quotidiana, di spazi privati, o inscenando conflitti e scontri tra figure allegoriche metà uomo e metà bestia che visivamente sembrano far parte di un mondo surreale, ma semanticamente fanno riferimento a una realtà sociale e identitaria ben definita.

Scenografo e muralista, Fasoli inizia a immaginare le strade come una tela alla fine degli anni Novanta. Già in queste prime esperienze si nota l’influenza dello studio e della passione per la ceramica e, al tempo stesso, del legame forte con la tecnica del “fileteado”, tipico della capitale argentina. Di lì a breve il suo stile si evolve, allontanandosi dal writing più tradizionale, introducendo nel suo lavoro la rappresentazione delle vere contraddizioni delle società latinoamericane, i loro rituali e la loro apparentemente perenne instabilità. Uno degli aspetti più sorprendenti del suo lavoro è la sua esplorazione di materiali e dimensioni.

La tensione tra la cultura globale dominante e le sottoculture come spazi di resistenza lo ha influenzato sia a livello concettuale che nelle sue azioni nel corso della sua carriera. Molteplici forme di identità individuale e collettiva costituiscono la spina dorsale sociologica della sua opera. Il conflitto, lo scontro, la destrutturazione della scena ritratta sono alcuni degli elementi utilizzati da Fasoli per stimolare la visione e la percezione del pubblico. Il concetto di identità è infatti uno dei cardini fondanti del suo lavoro, sia nei murales che nei dipinti su tela o nelle sculture. La sua ricerca esplora come si formano identità individuali e collettive e il rapporto in continuo mutamento tra esse.

Per tutte le informazioni potete visitare il sito ufficiale del MAGMA.

Nell’immagine: Franco Fasoli, Contacto Visual (2020; carta fatta a mano su tela, 110 x 90 cm).

La doppia personale di Fasoli e Hell'O Collective alla Magma Gallery di Bologna
La doppia personale di Fasoli e Hell'O Collective alla Magma Gallery di Bologna


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER