Da febbraio a Bologna la prima personale italiana di Erin Shirreff


A febbraio arriva a Bologna, a Palazzo Toschi, la prima personale italiana dell’artista canadese Erin Shirreff, che porta in Emilia due sue opere inedite.

Apre il 2 febbraio, e dura fino al 4 marzo, la prima personale italiana di Erin Shirreff (Kelowna, Canada, 1975), artista canadese già entrata a far parte delle raccolte del Metropolitan e del Guggenheim di New York e del Centre Pompidou di Parigi, che porta a Bologna, a Palazzo Toschi, opere inedite in una mostra curata da Simone Menegoi.

La mostra consiste di due opere: la prima è un video proiettato in dimensioni cinematografiche (5 metri per 8), intitolato Son. È un lungometraggio di animazione ispirato dalla visione di un eclisse di sole vista negli Stati Uniti nell’estate del 2017 (Erin Shirreff vive e lavora a New York): nel video il pubblico vedrà una grande sagoma circolare che cambierà identità e contesto nel corso della narrazione. “Shirreff”, si legge nella presentazione, “sfrutta, e a tempo stesso contesta, la qualità spesso fumettistica della fotografia astronomica standard per creare un’atmosfera che muta dal solenne all’assurdo, sottolineando la natura fondamentalmente inafferrabile degli eventi astronomici e la loro dissonanza rispetto alla scala della vita quotidiana”. I video di Erin Shirreff solitamente sono privi di sonoro ma estremamente curati nella composizione, con una presenza simile a quella della pittura: si tratta di video lenti e riflessivi “in antitesi al flusso incessante e frenetico di immagini che caratterizza la nostra cultura visiva”, e basati quasi sempre su di una sola inquadratura.

La seconda opera s’intitola Many Moons: una serie di sculture disposte su di una superficie di fogli di giornale. Si tratta di calchi di bottiglie, tazze, ciotole piatti, che s’ispirano al lavoro di Giorgio Morandi e che quindi in qualche modo s’inseriscono nel tessuto storico artistico della città che ospita la rassegna. “I calchi in gesso”, leggiamo ancora, “materializzano un vuoto, una lacuna; presentati come gruppo, formano una specie di paesaggio quotidiano invertito, il negativo di una natura morta”.

La mostra è organizzata da Banca di Bologna ed è uno dei dieci eventi selezionati per il programma culturale di ART CITY Bologna 2018, promosso da Comune di Bologna e BolognaFiere. Orari d’apertura: il 2 febbraio dalle 10 alle 22, il 3 febbraio dalle 10 alle 24, il 4 febbraio dalle 10 alle 20. Dall’8 febbraio al 4 marzo, dal giovedì al sabato dalle 11:30 alle 18:30 e la domenica dalle 13:30 alle 18:30. Chiusura il lunedì, il martedì e il mercoledì. Ingresso libero.

Informazioni sulla mostra

CittàBologna
SedePalazzo Toschi
DateDal 30/11/-0001 al 30/11/-0001
ArtistiErin Shirreff
TemiMilano - Cinquecento - Manierismo - Arte antica - Giuseppe Arcimboldi - Vienna Arte contemporanea

Da febbraio a Bologna la prima personale italiana di Erin Shirreff
Da febbraio a Bologna la prima personale italiana di Erin Shirreff


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER