Alla Fondazione Antonio Dalle Nogare la prima retrospettiva italiana di Charlotte Posenenske, artista del minimal tedesco


Dall’11 settembre 2021 al 28 maggio 2022 la Fondazione Antonio Dalle Nogare presenta la prima retrospettiva italiana di Charlotte Posenenske, figura centrale del movimento minimal tedesco. 

Apre l’11 settembre 2021 alla Fondazione Antonio Dalle Nogare la prima mostra italiana di Charlotte Posenenske (Wiesbaden, 1930 - Francorte sul Meno, 1985), a cura di Vincenzo de Bellis, visitabile fino al 28 maggio 2022.

Figura centrale del movimento minimal tedesco e artista di fama internazionale, Charlotte Posenenske si dedicò principalmente alla scultura e ottenne in questo ambito molti riconoscimenti in Germania e sulla scena internazionale fino al 1968, quando decise di dedicarsi alla sociologia.

From B to E and more, questo il titolo della prima retrospettiva italiana, intende ripercorrere l’evoluzione dell’attività di un’artista scomparsa prematuramente, con una particolare attenzione verso una serie di opere realizzate in poco più di dieci anni.

Già nei suoi primi lavori su carta, esposti in mostra in una selezione di diciassette elementi, l’artista si dedica all’esplorazione dello spazio astratto. Il riconoscimento internazionale si deve alla concezione e presentaazione di sei serie di sculture, compiute tra la fine del 1966 e l’inizio del 1968: Reliefs Serie A, B e C, Vierkantrohre Serie D e DW e Drehflügel Serie E. Ogni corpus di opere è formato da più elementi, accuratamente progettati e prodotti in serie, secondo i disegni dell’artista. Gli elementi variano per forma, dimensione e complessità, ma sono legati da forme geometriche comuni e dall’essere realizzati industrialmente a costi di produzioni bassissimi. 

“Le cose che faccio sono variabili, il più semplici possibile, ed eternamente riproducibili”: con queste parole Charlotte Posenenske definì il suo pensiero nel 1968. Le sculture modulari, i cui componenti possono essere combinati o spostati in vari modi per dare vita a composizioni volumetriche differenti, invitano lo spettatore a un’esperienza estetica sia visiva che spaziale. 

La retrospettiva espone cinque di queste serie scultoree, combinate in modalità scelte appositamente per gli ambienti della Fondazione Antonio Dalle Nogare. 

Insistendo sui concetti di ripetizione e di fabbricazione industriale, l’artista ha sviluppato una forma di minimalismo che affrontava le preoccupazioni socioeconomiche e politiche del ’68 al fine di ripensare lo status quo del mercato dell’arte e rifiutando le gerarchie culturali prestabilite. 

Attraverso questa retrospettiva la Fondazione Antonio Dalle Nogare intende aprirsi a un confronto sulle dinamiche che governano le strutture economiche mondiali e in particolare il sistema dell’arte contemporanea. 

Immagine: Allestimento della mostra Charlotte Posenenske: FROM B TO E AND MORE alla Fondazione Antonio Dalle Nogare, 2021. Courtesy of the Estate of Charlotte Posenenske and Mehdi Chouakri, Berlin. Ph. Credit Jürgen Eheim Fotostudio

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraFrom B to E and more
CittàBolzano
SedeFondazione Antonio Dalle Nogare
DateDal 11/09/2021 al 28/05/2022
ArtistiCharlotte Posenenske
CuratoriVincenzo de Bellis
TemiArte contemporanea, Fondazione Antonio Dalle Nogare, Charlotte Posenenske

Alla Fondazione Antonio Dalle Nogare la prima retrospettiva italiana di Charlotte Posenenske, artista del minimal tedesco
Alla Fondazione Antonio Dalle Nogare la prima retrospettiva italiana di Charlotte Posenenske, artista del minimal tedesco


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma