Inge Morath, la vita e la fotografia in mostra al Museo di Roma in Trastevere


La mostra Inge Morath. La vita. La fotografia si trasferisce al Museo di Roma in Trastevere dove è in programma dal 30 novembre 2019 al 19 gennaio 2020. La mostra, di cui potete leggere la nostra recensione qui, è una retrospettiva sulla prima fotoreporter donna entrata a far parte della famosa agenzia fotografica Magnum Photos.

Viaggiatrice instancabile, poliglotta, donna dai poliedrici interessi e di profonda cultura, Morath nasce a Graz, in Austria, nel 1923. Non teme barriere culturali, linguistiche o geografiche: la sua conoscenza di diverse lingue straniere le permetteva di analizzare in profondità ogni situazione e di entrare in contatto diretto con la gente.

I rapporti lavorativi con personalità quali Ernst Haas, Robert Capa e Henri Cartier-Bresson, contribuiscono a chiarire l’evoluzione professionale della Morath e il personale stile fotografico nutrito degli ideali umanistici successivi alla Seconda Guerra Mondiale, ma anche della fotografia quale “momento decisivo” come la definì Cartier-Bresson.

Le circa centocinquanta fotografie ripercorrono le tappe dei suoi principali reportage geo-etnografici, includendo anche la nota serie di curiosi ritratti con le maschere del disegnatore Saul Steinberg.

Per tutte le informazioni potete visitare il sito ufficiale del Museo.

Nell’immagine: Inge Morath, Audrey Hepburn, Messico (1958), © Magnum Photos

Inge Morath, la vita e la fotografia in mostra al Museo di Roma in Trastevere
Inge Morath, la vita e la fotografia in mostra al Museo di Roma in Trastevere


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER