Lecco, alla Torre Viscontea le celebrità del cinema fotografate da Elio Luxardo


Fino al 31 luglio, la Torre Viscontea di Lecco ospita la mostra ’Elio Luxardo e il cinema’, con i ritratti dei divi del grande schermo fotografati da Elio Luxardo.

È in corso fino al al 31 luglio presso la Torre Viscontea di Lecco la mostra Elio Luxardo e il cinema, promossa dal Comune di Lecco, SiMUL – Sistema Museale Urbano Lecchese e Fondazione 3M. L’esposizione celebra l’artista noto per essere il fotografo delle dive e dei divi di Cinecittà: Claudia Cardinale (nell’immagine), Gina Lollobrigida, Lucia Bosé, Giorgio Albertazzi, Sergio Tofano sono solo alcuni dei celebri volti del cinema italiano che Elio Luxardo ha ritratto attraverso i suoi scatti nel corso della sua carriera.

Elio Luxardo (Sorocaba, 1908 - Milano, 1969), nato da genitori di origini italiane in Brasile, si afferma come autore di documentari, imparando molto dal padre fotografo e lavorando con i fratelli nello studio di famiglia. Quando, nel 1932, si trasferisce a Roma, si iscrive al Centro Sperimentale di Cinematografia col sogno di diventare regista. Insofferente della disciplina, abbandona però la scuola per entrare nello studio del fotografo Sem Bosch e ne rileva quasi subito l’attività affermandosi rapidamente come ritrattista.

Nel suo atelier di via del Tritone 197 (e, dal 1944, in quello milanese di corso Vittorio Emanuele) Luxardo sperimenta un particolare uso delle luci che si rivelerà fortemente innovativo per il mondo della fotografia, ma che in realtà nuovo non era: da grande e appassionato competente del cinema, quel sistema che valorizzava i volti e li rendeva particolarmente plastici lo aveva imparato sui set. È in qualche modo inevitabile, dunque, che fossero proprio i divi di Cinecittà e gli attori di teatro ad amare in modo particolare i suoi ritratti.

Luxardo fa emergere le caratteristiche di ognuno dei suoi soggetti – dallo sguardo, alla postura, al sorriso – e predilige le riprese in cui il volto o il corpo occupano lo spazio in diagonale, così da trasmettere un senso di plasticità. Ed è proprio grazie a questa capacità di sintesi nella ricerca della bellezza che i ritratti del cinema di Luxardo conservano una loro attualissima classicità.

Tutte le opere esposte in Elio Luxardo e il cinema provengono dall’archivio fotografico della Fondazione 3M, istituzione culturale permanente di ricerca e formazione e proprietaria di uno storico archivio fotografico di oltre 110 mila immagini.

Per tutte le informazioni potete visitare il sito ufficiale dei musei di Lecco.

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraElio Luxardo e il cinema
CittàLecco
SedeTorre Viscontea
DateDal 25/06/2022 al 31/07/2022
ArtistiElio Luxardo
TemiFotografia

Lecco, alla Torre Viscontea le celebrità del cinema fotografate da Elio Luxardo
Lecco, alla Torre Viscontea le celebrità del cinema fotografate da Elio Luxardo


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Il mito della Route 66 diventa una mostra. A Colorno oltre 70 scatti di Franco Fontana
Il mito della Route 66 diventa una mostra. A Colorno oltre 70 scatti di Franco Fontana
A Udine la prima retrospettiva dedicata a Giovanni da Udine, tra Raffaello e Michelangelo
A Udine la prima retrospettiva dedicata a Giovanni da Udine, tra Raffaello e Michelangelo
Monza, alla Villa Reale la grande mostra sugli Yōkai, i mostri giapponesi
Monza, alla Villa Reale la grande mostra sugli Yōkai, i mostri giapponesi
Da Johnny Depp a Harrison Ford, a Venezia le 300 Polaroid con i protagonisti della Mostra del Cinema dal 1996 al 2004
Da Johnny Depp a Harrison Ford, a Venezia le 300 Polaroid con i protagonisti della Mostra del Cinema dal 1996 al 2004
Sicilia, una mostra dedicata agli ori e agli argenti liturgici di Geraci e Castelbuono
Sicilia, una mostra dedicata agli ori e agli argenti liturgici di Geraci e Castelbuono
Napoli, le migrazioni sono protagoniste del progetto “Migrations” di Francesca Di Bonito
Napoli, le migrazioni sono protagoniste del progetto “Migrations” di Francesca Di Bonito