Al MA*GA di Gallarate la personale di Chiara Dynys, Melancholia


Dal 26 febbraio all’8 maggio 2022, il MA*GA di Gallarate (VA) ospita la personale di Chiara Dynys, dal titolo Melancholia. L’esposizione presenta 20 opere inedite che esplorano l’immaginario filmico che ha da sempre caratterizzato la ricerca dell’artista. 

Racconta l’amore per il cinema e tutte le emozioni che trasmette, Melancholia, la personale di Chiara Dynys (Mantova, 1958), in programma dal 26 febbraio all’8 maggio 2022 al MA*GA di Gallarate (VA). L’esposizione, curata da Alessandro Castiglioni, presenta 20 opere inedite che esplorano l’immaginario filmico che ha da sempre caratterizzato la ricerca dell’artista.

La parola Melancholia sintetizza una serie di molteplici questioni a cui la mostra fa riferimento: dal temperamento saturnino che, secondo la tradizione medievale, è sempre stato caratteristico dell’artista, ai molteplici riferimenti alla storia dell’arte e soprattutto a quella del cinema. Nella mostra, infatti, la poetica dell’artista è disvelata attraverso le suggestioni che le giungono da alcuni registi centrali nella storia del cinema, da Roberto Rossellini a Lars Von Trier, da Jane Campion a Federico Fellini. La luce e lo spazio trasfigurano le narrazioni e le immagini in movimento e attraversano gli ambienti del percorso espositivo, appositamente pensato per il MA*GA. Tra le opere esposte anche il ciclo dei Kaleidos, forme riflettenti che modificano la percezione e ingannano la vista dello spettatore, come suggestioni racchiuse in un caleidoscopio.

“L’amore per il cinema" afferma Chiara Dynys "mi accompagna da quando ero bambina, nutrito e incoraggiato da mia madre a cui dedico questo progetto. Tali suggestioni hanno contribuito a dare al mio lavoro un taglio ben definito sin dagli esordi in cui creavo forme geometriche, senza un centro individuabile, attraverso un uso trasgressivo e “cinematografico” dei materiali che, trasfigurati in qualcos’altro, esprimevano uno straniamento che nel tempo si è trasformato nella rappresentazione di un non luogo, abitato dallo spaesamento dei sogni e dallo sradicamento”.

“La mostra" ricorda il curatore Alessandro Castiglioni "è una mappa per perdersi all’interno dell’opera di Chiara Dynys, per scoprirla e rileggerla alla luce di chiavi interpretative che non sono né cronologiche né tematiche bensì, come le opere stesse di Dynys, prendono la forma di luoghi in cui incontrare e incontrarsi: camminare attraverso labirinti, farsi sorprendere da luci, fantasmi e specchi, mettere alla prova la capacità di vedere e capire, farsi travolgere dai desideri fatui dell’inconscio e varcare le soglie della percezione”.

“Chiara Dynys è un’artista che siamo estremamente felici di ospitare al MA*GA" dichiarano Sandrina Bandera ed Emma Zanella, rispettivamente Presidente e Direttore del Museo MA*GA "perché ha avuto modo di incontrare la storia del museo diverse volte. Chiara Dynys ha partecipato alle mostre Premio Gallarate nel 1989 e nel 1995 ed è stata tra i vincitori del Premio nel 2004 con un lavoro, TUTTO/NIENTE, che ha attraversato la città in modo emblematico e che oggi si trova nella collezione permanente del museo. Questa storia e l’importanza dell’artista nella scena italiana e internazionale, motivano la mostra al Museo MA*GA, come momento di approfondimento e di valorizzazione dell’arte italiana, parte fondamentale della mission del museo”.

In occasione della rassegna, negli spazi della biblioteca dell’HIC - Hub degli Istituti Culturali della Città di Gallarate, verrà presentata l’installazione permanente Enlightening Books, donata al museo grazie a WEM, Empowering Art Platform, innovativa piattaforma che ha l’obiettivo di trovare nuove forme di diffusione e supporto alle arti visive contemporanee. L’esposizione sarà arricchita dalla monografia Chiara Dynys and the Filmic Imaginary (Skira), che approfondisce, in una prospettiva storico-critica, le riflessioni proposte in mostra.

Contemporaneamente alla personale di Chiara Dynys, il MA*GA presenta dal 26 febbraio all’8 maggio 2022, le mostre Michele Lombardelli. Untitled e GEOGRAFIE. Raccontare i tempi, raccontare i luoghi.

Per il quinto anno consecutivo Ricola affiancherà come partner istituzionale il museo gallaratese sostenendo la programmazione espositiva e tutte le attività culturali in programma per il 2022. L’azienda svizzera produttrice delle caramelle alle 13 erbe intende così confermare la sua attenzione nei confronti dell’arte e della cultura come strumento di crescita e condivisione. Proseguono anche le giornate a ingresso gratuito targate Ricola. Venerdì 4 marzo, 1° aprile e 6 maggio 2022, dalle 14 alle 18 fino a esaurimento posti, l’azienda svizzera offrirà l’ingresso a tutti i visitatori e darà loro il benvenuto con la degustazione delle sue tisane presso il bar del MA*GA a partire dalle ore 15. Anche l’azienda gallaratese Lamberti S.p.A. conferma il suo sostegno al MA*GA.

Orari mostra: martedì, mercoledì, giovedì e venerdì: ore 10.00 - 18.00 sabato e domenica: 11.00 - 19.00 Aperture speciali Pasqua (17 aprile), 11.00-19.00 1° maggio, 11.00-19.00

Ingresso: Intero: €6,00; ridotto: €4,00 Il biglietto consente la visita anche delle mostre: MICHELE LOMBARDELLI. Untitled e GEOGRAFIE. Raccontare i tempi, raccontare i luoghi.

Info: Museo MA*GA T +39 0331 706011; info@museomaga.it; www.museomaga.it

Informazioni sulla mostra

Titolo mostra Melancholia
CittàGallarate
SedeMuseo MA*GA
DateDal 26/02/2022 al 08/05/2022
ArtistiChiara Dynys
CuratoriAlessandro Castiglioni

Al MA*GA di Gallarate la personale di Chiara Dynys, Melancholia
Al MA*GA di Gallarate la personale di Chiara Dynys, Melancholia


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


A Gallarate in arrivo una mostra sugli Impressionisti al Museo MA*GA
A Gallarate in arrivo una mostra sugli Impressionisti al Museo MA*GA
L'artista sammarinese Martina Conti indaga sui rapporti tra arte, cittadinanza e politica in mostra al MA*GA di Gallarate
L'artista sammarinese Martina Conti indaga sui rapporti tra arte, cittadinanza e politica in mostra al MA*GA di Gallarate
Il museo MA*GA di Gallarate allestisce una mostra... all'aeroporto di Malpensa
Il museo MA*GA di Gallarate allestisce una mostra... all'aeroporto di Malpensa
Le fotografie di Luca Missoni in mostra al MA*GA di Gallarate
Le fotografie di Luca Missoni in mostra al MA*GA di Gallarate
A Gallarate sono in mostra gli impressionisti, da Manet a Renoir, da Degas a Sisley
A Gallarate sono in mostra gli impressionisti, da Manet a Renoir, da Degas a Sisley
L'astrazione geometrica in Italia tra il 1930 e il 1965: una mostra al MA*GA di Gallarate
L'astrazione geometrica in Italia tra il 1930 e il 1965: una mostra al MA*GA di Gallarate