A Correggio una mostra celebra i 500 anni della Camera della Badessa, capolavoro del Correggio


A Correggio, una mostra presso il Museo Civico celebra i 500 anni della Camera della Badessa, il capolavoro del grande Antonio Allegri.

Nel 1518 il grande Antonio Allegri, meglio noto come il Correggio (Correggio, 1489 circa - 1534), dava inizio a una delle sue imprese più celebri e celebrate: la decorazione ad affresco della Camera della Badessa (o Camera di San Paolo) a Parma, una delle sue più note realizzazioni, nonché uno dei capolavori d’illusionismo prospettico del Cinquecento. A distanza di cinquecento anni esatti dall’avvio di quell’opera capitale per la storia dell’arte, la città di Correggio omaggia il suo illustre figlio con una mostra al Museo Civico “Il Correggio” che, dal 14 ottobre al 9 dicembre 2018, “porta” la Camera della Badessa nel luogo natale del grande pittore. Si tratta dell’esposizione Camera di San Paolo. Art & Experience, promossa in collaborazione con Fondazione Il Correggio e Associazione Amici del Correggio e con il sostegno della Regione Emilia Romagna.

La rassegna si compone di tre momenti: nella prima sala il pubblico potrà ammirare riproduzioni storiche della Camera della Badessa e dei suoi particolari, nella seconda una proiezione multimediale ricostruirà la Camera a grandezza naturale, e nella terza sarà possibile vedere opere di artisti contemporanei locali che si sono ispirati al capolavoro correggesco.

“L’Associazione degli Amici del Correggio e del Museo”, dichiara Giuseppe Adani, studioso del Correggio, “ha allestito una vasta rassegna celebrativa del Quinto Centenario della Camera di San Paolo, la gemma affrescata dall’Allegri nel 1518 in Parma per la coltissima Badessa Giovanna Baroni, reggente l’importante monastero femminile benedettino che così diventò il cuore sapienziale della città. Mentre ora in Parma le iniziative rimangono spente le realizzazioni a Correggio trovano la loro genesi nella bellissima pubblicazione di Renza Bolognesi Correggio e la Camera di San Paolo. Svelamenti inediti (Silvana, 2018) rivolta con attenta didattica a tutti i tipi di lettori, dove lo sfolgorio naturalistico e gli amabili misteri della Camera vengono spiegati con semplicità e precisione, insieme ai loro valori formali. La Mostra contestuale si avvale di tre ampi e luminosi ambienti museali: la Galleria Grande, arricchita da Renza Bolognesi con le festonature allegriane, dove si svolge tutta la parte iconografica e storico-artistica; la Sala adombrata dove avviene la ricostruzione proiettiva della Camera attraverso un sistema di prelievo fotostatico recentissimo; e infine la Piccola Galleria che espone, con sorpresa, gli omaggi e le interpretazioni di pittori e scultori viventi di ambito correggese, i quali rendono curiosa e quantomai godibile la conclusione dell’itinerario di visita. Entro il 9 dicembre tutti gli appassionati d’arte potranno conoscere Correggio, i suoi monumenti e l’interessantissimo Museo, con ingresso gratuito”.

La mostra è infatti visitabile liberamente tutti i giorni: il sabato dalle 15:30 alle 18:30, la domenica dalle 10 alle 12:30 e dalle 15:30 alle 18:30, e gli altri giorni su appuntamento. Per info è possibile telefonare allo 0522 691806 o visitare il sito www.museoilcorreggio.org.

Nell’immagine: la Camera della Badessa

A Correggio una mostra celebra i 500 anni della Camera della Badessa, capolavoro del Correggio
A Correggio una mostra celebra i 500 anni della Camera della Badessa, capolavoro del Correggio


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER