A Bagnacavallo in mostra i lavori sull'incomunicabilità di Fabrizio Dusi


Dal  20 settembre al 15 novembre 2020 il Museo Civico delle Cappuccine di Bagnacavallo ospita i lavori recenti di Fabrizio Dusi. 

Dal 20 settembre al 15 novembre 2020 il Museo Civico delle Cappuccine di Bagnacavallo accoglie la mostra Fabrizio Dusi. Insieme al mondo piangere, ridere, vivere, a cura di Chiara Gatti e Diego Galizzi. 

La rassegna intende riflettere sui temi delle distanze e della solidarietà, sulle barriere e sui contatti mancati, sulla solitudine e sul sostegno reciproco, attraverso un nucleo significativo di lavori recenti di Fabrizio Dusi (Sondrio, 1974) e una monumentale installazione site-specific. Una grande scritta al neon scorrerà sulla facciata del Palazzo Comunale dal 19 settembre: “Insieme al mondo piangere, ridere, vivere”, parole tratte da una poesia di Rosita Vicari

Oltre all’installazione luminosa, Fabrizio Dusi, artista, pittore e ceramista, che da anni spazia tra vari linguaggi (dalla scultura alle installazioni al neon), porta in mostra, all’interno del Museo Civico delle Cappuccine, parte del celebre ciclo in ceramica smaltata Bla Bla Bla, costituito da personaggi dai profili pop circondati da bollicine di parole vacue, rappresentando così una comunicazione difficile nel mondo caotico delle relazioni odierne. 

In esposizione anche altri neon realizzati appositamente per la mostra, tra cui una grande sagoma luminosa dell’Italia, dedicati alle geografie toccate dal virus, e una serie di dipinti su coperte isotermiche con le regioni italiane unite da una sorte globale (queste alludono al tema degli esuli e dei migranti). 

Nelle diverse sale del museo, saranno inoltre presenti un omaggio a san Michele Arcangelo con un dipinto di grandi dimensioni su coperte isotermiche e una parete intera, rivestita sempre da coperte, dipinta con l’iconografia di Adamo ed Eva sotto l’Albero della Vita. Entrambi sono accostati a parole modellate in ceramica, legate al tema della mostra: “crying” per intendere il peccato originale e il dolore che ne è derivato; “take care” abbinato idealmente alla figura di san Michele che protegge e si prende cura degli uomini in vista di un destino di redenzione. Immagini che sono state tradotte in alcuni esemplari di ceramiche inedite, grandi vasi dipiti con gli stessi soggetti degli arazzi.

Per maggiori info: museocivicobagnacavallo.it

Informazioni sulla mostra

Titolo mostra Fabrizio Dusi. Insieme al mondo piangere, ridere, vivere
CittàBagnacavallo
SedeMuseo Civico delle Cappuccine
DateDal 20/09/2020 al 15/11/2020
ArtistiFabrizio Dusi
CuratoriChiara Gatti, Diego Galizzi
TemiArte contemporanea, Bagnacavallo, Museo Civico delle Cappuccine, Fabrizio Dusi

A Bagnacavallo in mostra i lavori sull'incomunicabilità di Fabrizio Dusi
A Bagnacavallo in mostra i lavori sull'incomunicabilità di Fabrizio Dusi


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


La prima monografica di Orazio Borgianni si visita sui social col curatore
La prima monografica di Orazio Borgianni si visita sui social col curatore
Una grande mostra presenta per la prima volta la collezione completa Remondini delle opere grafiche di Dürer
Una grande mostra presenta per la prima volta la collezione completa Remondini delle opere grafiche di Dürer
Biennale di Venezia 2019, il Padiglione della Mongolia con mostra e canti di gola tradizionali
Biennale di Venezia 2019, il Padiglione della Mongolia con mostra e canti di gola tradizionali
A Gubbio in mostra le ceramiche ottocentesche di Giuseppe Magni
A Gubbio in mostra le ceramiche ottocentesche di Giuseppe Magni
A confronto a Venezia la Strage degli Innocenti di Tintoretto e la sua rivisitazione di Jorge R. Pombo
A confronto a Venezia la Strage degli Innocenti di Tintoretto e la sua rivisitazione di Jorge R. Pombo
Palazzo Barberini espone per la prima volta dopo il restauro la Madonna del latte di Murillo
Palazzo Barberini espone per la prima volta dopo il restauro la Madonna del latte di Murillo