La storia del profumo in una mostra a Palazzo Madama di Torino


Fino al 21 maggio 2018 Palazzo Madama di Torino accoglie una mostra volta a conoscere la storia del profumo dall’antichità al Novecento.

Fino al 21 maggio 2018 è in corso a Palazzo Madama di Torino la mostra "PerFumum. I profumi della storia".

L’esposizione, a cura di Cristina Maritano, presenta nella Sala Atelier oltre duecento oggetti tra oreficerie, vetri, porcellane, affiches e trattati scientifici per raccontare l’evoluzione e la pluralità dei significati del profumo dall’Antichità greca e romana al Novecento.

Oggetti provenienti da musei e istituzioni torinesi, come il MAO Museo d’Arte Orientale, il Museo Egizio, la Biblioteca Nazionale, nonché dallo stesso Palazzo Madama, e da musei nazionali come il Museo Nazionale del Bargello, il Museo Bardini, le Gallerie degli Uffizi e il Museo di Sant’Agostino di Genova. Importante è stata la collaborazione con il Musée International de la Parfumerie di Grasse.

Inoltre, nell’ambito della mostra, l’associazione culturale torinese Per Fumum organizza un ciclo di incontri internazionali sulla cultura dell’olfatto: dalla presentazione di profumi storici dell’Osmothèque di Versailles all’incontro con creatori di profumi riconosciuti a livello internazionale.

Per info: www.palazzomadamatorino.it

Orari: Tutti i giorni dalle 10 alle 18. Chiuso il martedì.

Biglietti: Intero 12 euro, ridotto 10 euro. Gratuito per minori di 18 anni.

 

La storia del profumo in una mostra a Palazzo Madama di Torino
La storia del profumo in una mostra a Palazzo Madama di Torino


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER