A Londra una mostra ripercorre l'intera carriera di Ron Mueck dal 1996 a oggi


Si intitola “25 years of sculpture” e ripercorre l’intera carriera di Ron Mueck, dagli inizi nel 1996 a oggi: è la mostra che si tiene nella sede londinese di Thaddaeus Ropac fino al 27 novembre.

Fino al 27 novembre 2021, la galleria Thaddaeus Ropac, nella sua sede di Londra (London Ely House), ospita una rassegna che ripercorre l’intera carriera di Ron Mueck (Melbourne, 1958), uno dei più famosi artisti iperrealisti. Intitolata 25 years of sculpture. 1996-2001, la mostra, curata da Jasper Sharp, espone opere che si susseguono lungo un arco di tempo di un quarto di secolo: era infatti il 1996 quando Mueck realizzò le sue prime opere.

Quella della galleria Thaddaeus Ropac, oltre a essere la prima mostra di Mueck presso le sedi del mercante francese (che rappresenta Mueck dal 2020: prima l’artista australiano faceva parte della scuderia di Hauser & Wirth), è anche la sua più completa rassegna mai tenutasi fino ad oggi in una galleria, e molte sculture celebri insieme a opere nuove e inedite. Insieme, questi lavori tracciano l’intero spettro dell’esperienza umana secondo Ron Mueck, dall’inizio della vita in gravidanza e nella nascita, fino al suo punto finale nella morte. In queste opere, spiega il curatore Sharp, “Mueck attinge ai propri pensieri, emozioni ed esperienze di vita intensamente personali per produrre un registro di emozioni ed esperienze universali con cui tutti possiamo relazionarci. E condividono il senso della vita, e della morte, e tutto ciò che accade nel mezzo”.

Tra le opere in mostra figurano Dead dad (1996-1997), uno dei primi lavori di Mueck, esposto per la prima volta nella leggendaria mostra Sensation: Young British Artists from the Saatchi Collection alla Royal Academy of Arts di Londra nel 1997 ed è stata determinante nel formare la sua reputazione internazionale. L’intensità di quest’opera, che incarna la perdita personale dell’artista ma parla anche di esperienze universali del legame genitore-figlio, è accentuata dalla sua qualità incredibilmente realistica e tuttavia priva di vita. Altro capolavoro in mostra è Dark place del 2018, dove l’occhio impareggiabile di Ron Mueck, attentissimo ai dettagli fisici e psicologici, esamina scrupolosamente le emozioni individuali e universali, che includono in questo caso compassione, alienazione, vulnerabilità e perdita. E poi ancora Mother and child del 2003, parte di un trittico sulla maternità che include Pregnant woman del 2002 e Woman with shopping del 2014, e la famosa Couple under an umbrella del 2013-2015.

Per tutte le informazioni è possibile visitare il sito della galleria Ropac.

Immagine: Ron Mueck, Couple under an umbrella (2013-2015; tecnica mista, 277 x 455 x 330 cm).

A Londra una mostra ripercorre l'intera carriera di Ron Mueck dal 1996 a oggi
A Londra una mostra ripercorre l'intera carriera di Ron Mueck dal 1996 a oggi


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Dall'espressionismo alla mostra di Olafur Eliasson. Ecco il 2022 del Castello di Rivoli
Dall'espressionismo alla mostra di Olafur Eliasson. Ecco il 2022 del Castello di Rivoli
Milano, alle Gallerie d'Italia una mostra fotografica sulla storia della Prima della Scala
Milano, alle Gallerie d'Italia una mostra fotografica sulla storia della Prima della Scala
Torino, due capolavori di Cima da Conegliano trascorrono le feste da Intesa Sanpaolo
Torino, due capolavori di Cima da Conegliano trascorrono le feste da Intesa Sanpaolo
Palazzo Strozzi, ecco le grandi mostre 2022: Donatello e Olafur Eliasson
Palazzo Strozzi, ecco le grandi mostre 2022: Donatello e Olafur Eliasson
Negli USA la prima monografica su Pier Francesco Foschi. Poi arriverà in Italia
Negli USA la prima monografica su Pier Francesco Foschi. Poi arriverà in Italia
5 grandi mostre all'estero da non perdere nel 2022
5 grandi mostre all'estero da non perdere nel 2022