Tra action painting e avanguardia polacca, a Siena la mostra di Olga Niescier


La Galleria Cesare Olmastroni di Siena ospita dal 12 luglio al 4 agosto 2019 la mostra Structura Naturalis dell’artista contemporanea polacca Olga Niescier.

La Galleria Cesare Olmastroni di Palazzo Patrizi a Siena ospita dal 12 luglio al 4 agosto 2019 la mostra Structura Naturalis di Olga Niescier (Bialystok, 1978). 

La rassegna rientra nell’ambito di ArteSiena e propne una raccolta di opere della pittrice polacca realizzate tra il 2013 e il 2016. I suoi dipinti sono trame dense di colore su più strati: il colore, come un action painting, viene scolpito, inciso, rovesciato e schizzato sulla tela, ma anche mescolato a inchiostri, pastelli, pigmenti di polvere e di oli o erbe essiccate. Ne risultano opere tridimensionali dalle sfumature vibranti su tele di fibra di iuta vegetali: vere creature artistiche in cui centrale è il rapporto con Madre Natura con i suoi ritmi, i suoi micro-universi.

Introduce inoltre nelle sue opere un aspetto spirituale che si basa sulla filosofia della pittura paesaggistica storica asiatica, sul mondo Zen. Anche se la sua arte è molto influenzata dalle avanguardie polacche tra le due guerre, in particolare dalla produzione artistica di Wladyslaw Strzeminski, artista considerato padre della teoria dell’Unismo, fondata sull’idea dell’unità e dell’omogeneità di tutti gli elementi della composizione caratterizzati da una riduzione cromatica e da superfici vibranti. 

Orari: Tutti i giorni dalle 15.30 alle 18.30. 

Ingresso gratuito.

 

Tra action painting e avanguardia polacca, a Siena la mostra di Olga Niescier
Tra action painting e avanguardia polacca, a Siena la mostra di Olga Niescier


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER