Te veo, me veo: la personale di Lidia Léon alla Chiesa di Santa Maria della Presentazione


La Chiesa di Santa Maria della Presentazione di Venezia ospiterà dal 9 maggio al 30 settembre 2019 la mostra Te veo, me veo dell’artista Lidia Léon.

Presso la Chiesa di Santa Maria della Presentazione o delle Zitelle, a Venezia, sarà allestita la mostra Te veo, me veo di Lidia Léon (Santo Domingo, 1962), visitabile dal 9 maggio al 30 settembre 2019.

La rassegna, a cura di Roberta Semeraro e Iris Peynado, presenterà la produzione artistica di Lidia Léon che si concentra su temi di natura sociale ed esistenziale, come l’intolleranza e le carenze culturali. La stessa opera che dà il titolo alla mostra intende invitare il visitatore a riconoscersi nell’Altro attraverso rimandi storici e filosofici.

La serie Wabi Sabi è invece ispirata all’omonima percezione estetica giapponese che celebra la bellezza insita nella transitorietà e nell’imperfezione, guardando oltre l’apparenza

L’allestimento avrà uno schema circolare per rimandare alla cupola del Palladio, dove l’opera centrale Te veo, me veo dialogherà con quelle laterali Wabi sabi in un gioco continuo di rimandi.

"Molte delle mie proposte promuovono l’inclusione sociale attraverso il gioco, rilasciando tensioni, stimolando l’immaginazione. Invitare il pubblico ad interagire con i miei lavori, alimenta quel bisogno sociale degli umani, promuove uno spazio di rispetto per le nostre differenze, contrastando così le discriminazioni di ogni tipo” afferma Lidia León

“Nei panorami che si trovano nei luoghi in cui l’artista ha vissuto, ho ritrovato i segni di quella intramontabile bellezza che è più vera e più democratica perché più vicina a tutti, di cui parla Lidia e che ci invita a riscoprire e a riapprezzare. Sembra infatti che l’artista dominicano senta un dovere imprescindibile verso la sua società, cercando di restituire al pubblico il suo innato talento e la sua creatività. Le opere di León non solo riflettono la bellezza della sua terra e la vitalità della sua gente, ma anche i profondi valori di questa splendida civiltà composta da genti venute nel tempo, da tutte le parti del mondo" aggiunge la curatrice Roberta Semeraro

La mostra è promossa dalla Fondazione LiLéon e dall’Ambasciata Italiana a Santo Domingo.

Orari: Da martedì a domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 20.

Immagine: Lidia Léon, Te veo, me veo (2019)

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraTe veo, me veo
CittàVenezia
SedeChiesa di Santa Maria della Presentazione
DateDal 09/05/2019 al 30/09/2019
ArtistiLidia Léon
TemiArte contemporanea

Te veo, me veo: la personale di Lidia Léon alla Chiesa di Santa Maria della Presentazione
Te veo, me veo: la personale di Lidia Léon alla Chiesa di Santa Maria della Presentazione


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Il rapporto tra Giacomo Puccini e le arti visive è indagato da una mostra a Lucca
Il rapporto tra Giacomo Puccini e le arti visive è indagato da una mostra a Lucca
I celeberrimi igloo di Mario Merz in una grande retrospettiva a Milano
I celeberrimi igloo di Mario Merz in una grande retrospettiva a Milano
Laura Lima alla Fondazione Prada di Milano chiude il progetto Slight Agitation
Laura Lima alla Fondazione Prada di Milano chiude il progetto Slight Agitation
“Esercizio grafico e profondità umana”: Carrara, a Palazzo Cucchiari la mostra personale con opere dal 1999 al 2019 di Andrea Martinelli
“Esercizio grafico e profondità umana”: Carrara, a Palazzo Cucchiari la mostra personale con opere dal 1999 al 2019 di Andrea Martinelli
Recensione della mostra del Genovesino a Cremona
Recensione della mostra del Genovesino a Cremona
Scultura contemporanea e fotografia s'incontrano nella mostra di Sally Gall e Peter Simon Mühlhäußer
Scultura contemporanea e fotografia s'incontrano nella mostra di Sally Gall e Peter Simon Mühlhäußer