A Treviso una mostra su Renato Casaro, l'ultimo grande cartellonista del cinema


Dal 13 giugno, a Treviso una mostra su tre sedi ripercorre la carriera di Renato Casaro, l'ultimo grande cartellonista del cinema, autore delle locandine di celebri film come “Balla coi lupi” “Il nome della rosa” “Lo chiamavano Trinità”.

A Treviso, con una grande mostra in tre diverse sedi cittadine – al nuovo Museo Nazionale Collezione Salce, che per l’occasione apre nella ritrovata Chiesa di Santa Margherita, al Complesso di San Gaetano, l’altra sede del Museo, e al Museo Civico Santa Caterina, dal 13 giugno 2021– il Ministero della Cultura tramite la Direzione Regionale Musei Veneto, il Comune di Treviso e la Regione del Veneto, rendono omaggio a Renato Casaro (Treviso, 1935) considerato l’ultimo dei grandi cartellonisti del cinema. Un’artista che ha saputo trasporre, disegnandola, l’anima di un film in un manifesto, il tutto mentre lo stesso era ancora in lavorazione, potendo spesso contare solo su qualche fotografia di scena e su un formidabile intuito comunicativo.

A curare la mostra sono Roberto Festi ed Eugenio Manzato, con la collaborazione di Maurizio Baroni, tre specialisti del settore, che hanno analizzato l’enorme archivio di Casaro (più di mille i manifesti e le locandine da lui realizzate), selezionando testimonianze di un percorso artistico durato cinquant’anni.

Nella sede del Museo Civico Santa Caterina si sviluppa la sezione Treviso, Roma, Hollywood, una carrellata di opere che si abbinano e si completano con quelle presentate, con il titolo L’ultimo cartellonista, nella innovativa sede di Santa Margherita dove è stata allestita anche una sezione didattica e dove i visitatori più giovani potranno, in totale autonomia, creare un loro manifesto di cinema. E ancora, una sezione dedicata agli ipovedenti con la riproduzione tridimensionale del celebre affisso Il tè nel deserto.

Una terza sezione, dal titolo Dall’idea al manifesto, è allestita negli spazi del complesso di San Gaetano. Qui il pubblico può scoprire l’intera filiera per la creazione di un manifesto: dai contatti con le case di produzione o di distribuzione ai primi schizzi a matita; dal bozzetto di prova – spesso con le varianti richieste, o imposte, dalla committenza – a quello esecutivo, sino allo studio per l’inserimento del lettering (un tempo manuale, in seguito fotomeccanico) e alla stampa. Sei film simbolo di Casaro raccontano, con una forte valenza didattica, tutto il mondo tecnico e artistico che sta dietro la creazione di un manifesto.

Per tutte le informazioni potete visitare il sito ufficiale della Collezione Salce.

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraRenato Casaro, l'ultimo grande cartellonista del cinema
CittàTreviso
SedeMuseo Nazionale Collezione Salce
DateDal 13/06/2021 al 01/05/2022
ArtistiRenato Casaro
CuratoriRoberto Festi, Eugenio Manzato
TemiArte e cinema, Treviso, Museo Nazionale Collezione Salce, Complesso di San Gaetano, Museo Civico Santa Caterina, Renato Casaro

A Treviso una mostra su Renato Casaro, l'ultimo grande cartellonista del cinema
A Treviso una mostra su Renato Casaro, l'ultimo grande cartellonista del cinema


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma