Giardino di Boboli, oltre 2000 visitatori per la riapertura. “Grande desiderio di riappropriarci delle bellezze del nostro territorio”


Nel primo weekend di riapertura del Giardino di Boboli, sono stati registrati oltre duemila visitatori.

In occasione del primo weekend di riapertura del Giardino di Boboli a Firenze, dopo la chiusura per emergenza sanitaria, sono oltre duemila i visitatori che hanno scelto di ammirare le bellezze naturalistiche del famoso parco mediceo.

Per esattezza, da venerdì 22 a domenica 24 maggio sono state registate 2128 presenze, con un picco di 869 persone nella giornata di domenica.

“In questi primi giorni dopo la riapertura del Giardino di Boboli abbiamo ospitato oltre duemila e cento visitatori, dei quali circa settecento, dunque un terzo, residenti fiorentini, e due terzi provenienti da tutta la Toscana: questo dimostra che il doppio obiettivo di ricollegare i cittadini con la propria storia, con i propri tesori, e di favorire il turismo di prossimità, funziona pienamente” ha commentato il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt. “La ripresa si manifesta anche con il grande desiderio di riappropriarci delle bellezze naturali e artistiche che il nostro territorio offre a piene mani. Le Gallerie degli Uffizi rispondono con entusiasmo a questa necessità: la prossima tappa delle nostre riaperture sarà giovedì 28 maggio, con la riapertura di Palazzo Pitti e l’inaugurazione della mostra sulla grande pittrice del Seicento Giovanna Garzoni” ha concluso. 

Giardino di Boboli, oltre 2000 visitatori per la riapertura. “Grande desiderio di riappropriarci delle bellezze del nostro territorio”
Giardino di Boboli, oltre 2000 visitatori per la riapertura. “Grande desiderio di riappropriarci delle bellezze del nostro territorio”


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana    

NEWSLETTER