Arriva il dispositivo indossabile per mantenere la distanza di sicurezza. L'Opera di Santa Maria del Fiore sarà la prima a utilizzarlo


L’Opera di Santa Maria del Fiore ha annunciato che sarà la prima a utilizzare, in ambito museale, il dispositivo Tag EGOpro Social Distancing.

L’Opera di Santa Maria del Fiore ha annunciato che, tra le varie misure che saranno adottate per garantire il massimo della sicurezza nella visita dei suoi monumenti, utilizzerà un dispositivo che permette di mantenere le distanze corrette tra i visitatori. L’istituzione sarà la prima a usarlo in ambito museale: si tratta di un dispositivo (Tag EGOpro Social Distancing) realizzato dalla società italiana AME (Advanced Microwave Engineering), che funziona in base a un sistema anonimo

All’inizio della visita ne sarà consegnato gratuitamente uno a ciascun utente, in modo che, una volta indossato, questo segnalerà se si sta superando la distanza minima di sicurezza consentita vibrando e illuminandosi. Al termine della visita sarà riconsegnato e sanificato per essere riutilizzato. È possibile inibire il segnale d’allarme nel caso di membri appartenenti allo stesso gruppo familiare.

Arriva il dispositivo indossabile per mantenere la distanza di sicurezza. L'Opera di Santa Maria del Fiore sarà la prima a utilizzarlo
Arriva il dispositivo indossabile per mantenere la distanza di sicurezza. L'Opera di Santa Maria del Fiore sarà la prima a utilizzarlo


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER