Riaperto il Parco Arte Vivente di Torino con le sue installazioni ambientali


Il Parco Arte Vivente di Torino accoglie di nuovo i suoi visitatori che possono tornare ad ammirare le tante installazioni ambientali.

Dopo la chiusura forzata, il PAV Parco Arte Vivente di Torino ha riaperto al pubblico, ma le attività e le visite guidate si trasferiscono nell’area verde, dove sarà possibile ammirare la collezione permanente delle diciannove installazioni ambientali

L’accesso al museo avverrà direttamente nel parco e negli spazi espositivi vigono tutte le norme di sicurezza previste anti-Covid19, elencate sui pannelli informativi.
Il percorso espositivo è esclusivamente all’aperto.

In via straordinaria, il PAV ha ampliato l’orario di apertura: sarà accessibile il mercoledì, giovedì e venerdì dalle 15 alle 18 e il sabato e la domenica dalle 12 alle 19. 

Il Parco Arte Vivente è un Centro sperimentale d’arte contemporanea concepito dall’artista Piero Gilardi, in cui centrale è il dialogo tra arte e natura, biotecnologie ed ecologia, pubblico e artisti. Il Parco è in continua evoluzione. Tra le opere presenti, Trèfle, installazione ambientale dell’artista Dominique Gonzalez-Foerster (2006) e Jardin Mandala, giardino progettato dal paesaggista Gilles Clément (2010). 

Per info: http://parcoartevivente.it/

Biglietti: 2 euro. Gratuito per bambini fino ai 6 anni e per i possessori di Abbonamento Torino Musei. 

Riaperto il Parco Arte Vivente di Torino con le sue installazioni ambientali
Riaperto il Parco Arte Vivente di Torino con le sue installazioni ambientali


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER