Il salotto di Manifattura Tabacchi diventa virtuale e non parla solo di arte


Living Room, il salotto di Manifattura Tabacchi diventa virtuale: uno spazio di ricerca e di sperimentazione con contenuti inediti e originali e tante rubriche.

Living Room, il salotto di Manifattura Tabacchi diventa virtuale: uno spazio di ricerca e di sperimentazione con contenuti inediti e originali, dove si dialoga di cultura e di arte contemporanea. 

In attesa di tornare a confrontarsi dal vivo con creativi, curatori, artisti ed esperti, Living Room trasferisce il suo programma di talk e di incontri sulla web, proponendo una piattaforma di analisi e di riflessione sulla realtà

Da lunedì 27 aprile, sei rubriche interdisciplinari affronteranno sei temi differenti: spazio, natura, tempo, corpo, identità, comunità. L’arte avrà un ruolo centrale, ma si parlerà anche di cinema e documentari, libri e poesie, editoria e architettura, scienza e moda. La programmazione di Living Room sarà arricchita dalla collaborazione di partner d’eccezione nei loro ambiti di attività.
Ciascun tema sarà affrontato e re-interpretato in diverse forme nel corso delle sei settimane, con interviste, interventi artistici, film, lecture, podcast e video performance.

Inoltre Living Room presenta Entrevue, uno spazio di dialogo che coinvolge sei voci autorevoli nell’ambito dell’arte, dell’architettura, della moda e della sostenibilità. Ciascuno di loro affronterà un tema della programmazione secondo la propria esperienza e competenza, offrendo momenti di formazione e di approfondimento.

“Cosa succederebbe se il mondo un giorno si svegliasse in un luogo diverso da quello abituale?” si domandano  sei artisti (Laura Besançon, Alessio De Girolamo, Dori Deng, Sabrina Melis, Alessandro Cicoria, David Hartono). Il loro spazio di espressione sarà If I woke up one day, un “metaluogo” di fantasia, nel quale il tempo, lo spazio, le relazioni umane, la natura hanno mutato forma e il virtuale è diventato reale. I sei artisti immaginano cosa accada oltre la parete, sperimentando liberamente lo spazio e come quest’ultimo si rapporti al concetto di limite in un universo distopico.

Le meditazioni sull’arte prendono forma sonora grazie alla rubrica Lieviti, una serie podcast in sei episodi a cura di Radio Papesse, archivio dedicato alla documentazione e all’approfondimento sulle arti visive. 

Il Festival dei Popoli, impegnato da lungo tempo nella promozione e diffusione del cinema documentario, in collaborazione con CG Entertainment, mette poi a disposizione la sua ’camera con vista’ nella grande casa virtuale costruita insieme aManifattura Tabacchi: una Popoli Streaming Room in cui sarà accessibile una selezione di documentari tratti dall’archivio del Festival dei Popoli.

Non è finita. Il collettivo di artisti performativi Fumofonico ha creato Documento: una rubrica costituita da video performance virtuali inedite, dove i versi di Amelia Rosselli, tra le più importanti poetesse del Novecento europeo, acquistano nuova voce attraverso le letture dei membri del collettivo e di altri esponenti della scena poetica orale e performativa italiana con l’apporto sonoro di una squadra di musicisti d’eccezione.

Nella rubrica Librarti si parla invece di libri d’artista, come opere d’arte sotto forma di volumi, a cura di Centro Di, casa editrice specializzata nella pubblicazione di libri di arte.

Tutte le rubriche del format multidisciplinare saranno lanciate attraverso appuntamenti giornalieri sui canali social Facebook e Instagram di Manifattura e saranno raccolte sul blog di Manifattura Tabacchi.

Nell’immagine, Manifattura Tabacchi, Living Room - Entrevue

Il salotto di Manifattura Tabacchi diventa virtuale e non parla solo di arte
Il salotto di Manifattura Tabacchi diventa virtuale e non parla solo di arte


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER