Passeggiate notturne nei siti archeologici vesuviani


Tutti i venerdì e i sabato del mese di ottobre 2020 torna lo speciale appuntamento delle passeggiate notturne nei siti archeologici vesuviani. 

Dal 2 al 24 ottobre 2020 tornano le passeggiate notturne nei siti archeologici vesuviani, che comprendono gli scavi di Pompei, la Reggia Quisisana a Castellammare di Stabia – Museo archeologico di Stabiae “Libero D’Orsi” , la Villa di Poppea a Oplontis e Villa Regina a Boscoreale. 

Otto serate che si terranno tutti i venerdì e i sabato di ottobre (2/3 -9/10-16/17-23/24 ottobre) dalle ore 20 alle 23 (ultimo ingresso ore 22,00). Alle aperture serali di ottobre, si aggiunge inoltre la Notte dei Musei prevista per il 14 novembre, negli stessi siti e con gli stessi orari e tariffe di ingresso. 

A Pompei si potrà passeggiare nell’area del Foro, cuore della vita politica, religiosa ed economica della città antica, attraverso un percorso di suoni e luci a cura di Enel Sole, che avrà inizio da porta Marina. L’itinerario si conclude con una video proiezione alla Basilica, l’antico palazzo di Giustizia e con l’ uscita dal Tempio di Venere su Piazza Esedra. Il biglietto di ingresso per Pompei, di 6 euro (intero) e 2 euro(ridotto) è acquistabile online su www.ticketone.it (+ 1,50 € di prevendita) oppure alla biglietteria di Porta Marina. Gli ingressi saranno contingentati ogni mezz’ora secondo i seguenti turni: 20; 20.30; 21; 21.30; 22. A Pompei sarà consentito ingresso per massimo 300 persone per turno.

Il nuovo Museo archeologico di Stabiae “Libero D’Orsi” presso la Reggia Quisisana offre un quadro complessivo di Stabiae e dell’Ager Stabianus dall’età arcaica sino all’eruzione del 79 d.C.
Il biglietto di ingresso di 3 euro (intero) e 2 euro (ridotto) è acquistabile esclusivamente online su www.ticketone.it (+ 1,50 € di prevendita). Gli ingressi sono contingentati ogni mezz’ora con i seguenti turni: 20; 20.30; 21; 21.30; 22.

Ad Oplontis sarà possibile accedere alla Villa di Poppea illuminata, tra i più splendidi esempi di villa dell’aristocrazia romana, attribuita a Poppaea Sabina, moglie dell’imperatore Nerone.
Il biglietto di ingresso di 3 euro (intero) e 2 euro (ridotto) è acquistabile online su www.ticketone.it (+ 1,50 € di prevendita) oppure presso la biglietteria del sito. Gli ingressi sono contingentati ogni mezz’ora con i seguenti turni: 20; 20.30; 21; 21.30; 22. Alla Villa di Poppea sarà consentito ingresso per massimo 40 persone per turno.

Infine a Boscoreale sarà possibile accedere alla Villa Regina, unica villa rustica interamente visitabile tra le numerose fattorie specializzate nella produzione agricola presenti sul territorio pompeiano. È composta da vari ambienti disposti sui tre lati di un cortile scoperto che ospita la cella vinaria con diciotto dolia (orci per la conservazione del vino). L’attività principale era infatti la produzione del vino.
Il biglietto di ingresso di 3 euro (intero) e 2 euro (ridotto) è acquistabile online su www.ticketone.it (+ 1,50 € di prevendita) oppure presso la biglietteria di Oplontis. Gli ingressi sono contingentati ogni mezz’ora con i seguenti turni: 20; 20.30; 21; 21.30; 22. A Villa Regina sarà consentito l’ingresso a un massimo di 15 persone per turno.

A Pompei, Oplontis e Villa Regina è prevista un’ulteriore apertura serale il 31 ottobre. L’apertura, dalle ore 20 alle 23 (con ultimo ingresso alle ore 22) è al costo simbolico di 1 euro. Acquisto on-line su www.ticketone.it (+ 1,50 € di prevendita) o presso la biglietteria di Porta Marina Superiore.

Passeggiate notturne nei siti archeologici vesuviani
Passeggiate notturne nei siti archeologici vesuviani


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER