Suonatore di tiorba

Autore: Antiveduto Gramatica
1605 circa
Torino, Galleria Sabauda

Questo naturalistico ritratto noto come il Suonatore di tiorba (la tiorba è uno strumento musicale simile al liuto, ma più grande e col manico molto più lungo) fu a lungo ritenuto opera di Caravaggio: fu poi Roberto Longhi a rimuoverlo dal catalogo delle opere dell'artista lombardo, e oggi più o meno tutti sono concordi nel riferirlo al pittore romano (ma di famiglia senese) Antiveduto Gramatica, uno dei primi artisti a subire il fascino dell'arte caravaggesca.

Si pensa che questo suonatore anticamente facesse parte di una più ampia composizione in cui il soggetto compariva in compagnia di altri personaggi intenti a suonare strumenti musicali (esiste infatti una copia del dipinto intero che avvallerebbe tale ipotesi: il suonatore compare, nella copia, assieme a una donna che suona un clavicembalo e un giovane che suona un flauto). Il tema della musica era particolarmente in auge al tempo (fu spesso frequentato anche dallo stesso Caravaggio), e viene qui declinato da Antiveduto Gramatica in un'opera che si contraddistingue per la sua raffinatezza e la sua precisione (il pittore era famoso già all'epoca per la veridicità dei suoi volti). Da notare inoltre la sapienza con la quale il pittore modula la luce, che proviene da sinistra e proietta ombre sugli oggetti (di particolare effetto l'ombra della mano del suonatore sulla cassa della tiorba). La tiorba non è l'unico strumento che compare nel dipinto: vediamo infatti anche un tamburello e una chitarra appoggiati sul tavolo, oltre allo spartito che però il musicista, col suo volto investito dalla luce rivolto a sinistra, sembra non seguire.

L'opera potrebbe essere il frammento di un "concerto" ricordato nel 1627 nell'inventario del cardinale Francesco Maria del Monte, già patrono di Caravaggio. Dopo un susseguirsi di passaggi in collezioni private, il dipinto fa oggi parte della raccolta della Galleria Sabauda di Torino.

20 gennaio 2017

Suonatore di tiorba di Antiveduto Gramatica

Aspetta, non chiudere la pagina subito! Ti chiediamo solo trenta secondi del tuo tempo: se quello che hai appena letto ti è piaciuto, clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter! Niente spam (promesso!), e una sola uscita settimanale per aggiornarti su tutte le nostre novità!





Torna all'elenco dei capolavori della rubrica "L'opera del giorno"






Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Barocco     Cinquecento     Quattrocento     Firenze     Genova     Novecento     Riforme     Settecento    

Strumenti utili