Madonna col Bambino

Autore: Cima da Conegliano
1504 circa
Firenze, Uffizi

Questa splendida Madonna col Bambino è oggi attribuita in modo pressoché certo a Cima da Conegliano, ma in passato non fu sempre così: Berenson per esempio riteneva che fossero di Cima solo alcuni passaggi, mentre Heinemann considerava il paesaggio alle spalle dei due protagonisti opera di un altro artista. Tuttavia, letture più approfondite della grande qualità del dipinto (malgrado alcuni "passaggi a vuoto", come lo scarso legame tra le figure dei protagonisti e lo sfondo: la Madonna sembra quasi seduta sul ciglio d'una strada) hanno portato la critica a formulare in modo pressoché unanime la totale attribuzione del dipinto al grande artista veneto del Rinascimento.

La figura della Vergine, dal fisico piuttosto florido come tipico della pittura di Cima, tiene in braccio il suo Bambino sullo sfondo di un tendaggio verde che si apre su un paesaggio montano aperto da un castello sulla sommità d'una collina: atmosfere caratteristiche del Veneto. La novità del dipinto sta tutta nel gesto del Bambino che con la mano afferra il pollice sinistro della madre per giocarci: un gesto semplice, ma di grande naturalezza, che contribuisce a donare tutta la dolcezza di cui l'opera necessità (gli sguardi dei due protagonisti infatti non si incrociano e la forte intimità viene tutta demandata a quel singolo gesto).

Del dipinto si registra un copia, eseguita da Antonio Maria da Carpi, conservata presso i Musei Civici agli Eremitani di Padova. Il dipinto ha subito tre restauri: uno nel 1962, uno nel 1985 e uno, più di recente, tra il 2009 e il 2010. Destinato con ogni probabilità alla devozione privata, fa parte dal 1882 delle raccolte degli Uffizi, dove lo si può tuttora ammirare, ma è a Firenze dal 1818, quando fu acquistato dall'Accademia di Belle Arti.

13 marzo 2017
Per conoscere la Galleria degli Uffizi: https://www.finestresullarte.info/musei-d-italia/2012/14-firenze-galleria-degli-uffizi.php

Madonna col Bambino di Cima da Conegliano

Aspetta, non chiudere la pagina subito! Ti chiediamo solo trenta secondi del tuo tempo: se quello che hai appena letto ti è piaciuto, clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter! Niente spam (promesso!), e una sola uscita settimanale per aggiornarti su tutte le nostre novità!





Torna all'elenco dei capolavori della rubrica "L'opera del giorno"






Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Barocco     Cinquecento     Quattrocento     Firenze     Genova     Novecento     Riforme     Settecento    

Strumenti utili