Marina

Autore: Flavio Bertelli
1921
Faenza, Pinacoteca Comunale

Il bolognese Flavio Bertelli è stato tra i principali pittori divisionisti emiliani, ma a partire dalla metà degli anni Dieci del Novecento iniziò progressivamente ad abbandonare questa tecnica per tornare a una pittura di macchia come quella che praticava agli esordi, quando studiava con Telemaco Signorini. Questo dipinto, Marina, appartiene proprio a questo periodo di transizione tra una pittura più moderna e il "ritorno al passato" dell'artista di San Lazzaro di Savena.

Bertelli crea un'opera di grande intensità, che sfocia nel lirismo: una spiaggia colta in una giornata di tempo nuvoloso, col sole che cerca di filtrare tra le nubi gettando la sua luce sulla superficie increspata dall'acqua, e la spiaggia che rimane, nella scura penombra, sulla destra. Il movimento delle onde e i solchi nella sabbia sono resi tramite l'ispessimento delle pennellate, che si fanno più fitte in prossimità delle variazioni luministiche. Nelle nuvole, ottenute con tocchi di pennello sfumati, si rivela il sostrato divisionista del pittore. Scarna la gamma cromatica utilizzata dal pittore (che si firma in basso a destra), tutta giocata sui toni del grigio: anche il mare è reso con toni argentati.

Il dipinto, realizzato nel 1921, è oggi conservato presso la Pinacoteca Comunale di Faenza.

21 agosto 2017

Marina di Flavio Bertelli

Aspetta, non chiudere la pagina subito! Ti chiediamo solo trenta secondi del tuo tempo: se quello che hai appena letto ti è piaciuto, clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter! Niente spam (promesso!), e una sola uscita settimanale per aggiornarti su tutte le nostre novità!





Torna all'elenco dei capolavori della rubrica "L'opera del giorno"






Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Barocco     Cinquecento     Quattrocento     Genova     Firenze     Novecento     Riforme     Settecento    

Strumenti utili