San Sebastiano

Autore: Raffaello Sanzio
1501-1502 circa
Bergamo, Accademia Carrara

Il San Sebastiano è un dipinto giovanile di Raffaello Sanzio, eseguito dall'artista non ancora ventenne: il santo è raffigurato a mezzobusto, mentre con la mano sinistra tiene una freccia, attributo iconografico che rimanda al suo martirio, e con gli occhi guarda davanti a sé, senza però incrociare lo sguardo dell'osservatore. Si tratta di un'opera databile ai primi anni del Cinquecento (1501-1502 circa) data la strettissima vicinanza ai modi del Perugino, maestro di Raffaello.

Si tratta di un'opera dotata di una grande finezza esecutiva: il santo, dall'aspetto effeminato, mostra un'espressione languida e tiene la freccia come se fosse una penna, con gesto delicato ed elegante, ed eleganti sono pure le decorazioni che ritroviamo sulla sua veste. La freccia è uno degli elementi cardine della composizione, dal momento che serve anche per dare profondità: in tal senso, Raffaello dimostra già di volersi distinguere dal suo maestro.

Non sappiamo dove si trovasse l'opera in origine, né per chi fosse stata realizzata. C'è chi ha ipotizzato che si tratti di un frammento di un'opera più grande, ma è invece più probabile che la tavoletta fosse destinata alla devozione privata. Sappiamo che emerse nell'Ottocento, quando si trovava nelle collezioni della famiglia Zurla di Crema. Passò quindi alla raccolta di un incisore lombardo, Giuseppe Longhi, e nel 1836 divenne di proprietà di un nobile bergamasco, il conte Guglielmo Lochis, che in seguito la donò all'Accademia Carrara di Bergamo, dov'è tuttora conservata. L'attribuzione a Raffaello è unanime.

Di recente, nel 2014, il San Sebastiano è stato sottoposto a un intervento di restauro che è intervenuto su alcuni sollevamenti della pellicola pittorica e con una pulitura che ha permesso di ovviare alle alterazioni che l'opera aveva subito a causa di precedenti restauri.

20 novembre 2017
Per conoscere l'arte di Raffaello: https://www.finestresullarte.info/Puntate/2011/09-raffaello.php

San Sebastiano di Raffaello Sanzio

Aspetta, non chiudere la pagina subito! Ti chiediamo solo trenta secondi del tuo tempo: se quello che hai appena letto ti è piaciuto, clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter! Niente spam (promesso!), e una sola uscita settimanale per aggiornarti su tutte le nostre novità!





Torna all'elenco dei capolavori della rubrica "L'opera del giorno"






Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Barocco     Cinquecento     Quattrocento     Genova     Firenze     Novecento     Riforme     Settecento    

Strumenti utili