Madonna degli Innocenti

Autore: Sandro Botticelli
1468 circa
Firenze, Museo degli Innocenti

Delle tante Madonne realizzate dal grande Sandro Botticelli (Firenze, 1445 - 1510), questa, la cosiddetta Madonna degli Innocenti (così chiamata in quanto già dall'Ottocento attestata nelle raccolte dell'Ospedale degli Innocenti di Firenze: oggi è infatti conservata presso il Museo degli Innocenti), è probabilmente la più vicina all'arte di Filippo Lippi, che dal 1459 al 1466 fu maestro di Botticelli. L'opera risale proprio al periodo dell'apprendistato di Sandro: lo schema ricalca quello della celeberrima Lippina, la più famosa Madonna col Bambino di Filippo Lippi, oggi conservata agli Uffizi.

I tre protagonisti (la Vergine, il Bambino e l'angelo) si dispongono sulla diagonale del dipinto, esattamente come avveniva nella Lippina, e la loro posa è la stessa, con la Madonna seduta sopra una sedia (identica a quella di Filippo Lippi), il Bambino in braccio alla madre e l'angelo in piedi a sorreggere il piccolo Gesù. Ci sono però deiie differenze: Botticelli rimuove il secondo angelo, elimina il paesaggio, e sostituisce la finestra di Filippo Lippi con una grande arcata classica. Ancora, diverso è l'atteggiamento della Madonna, che non è più raffigurata in atto di pregare come accadeva in Filippo Lippi, ma tiene tra le mani il Bambino: Botticelli rende dunque più umana e tenera la sua Madonna, e al contempo più malinconica, come si può agevolmente evincere dallo sguardo. E poi, da notare come la gamma cromatica sia molto più spoglia e semplice rispetto a quella di Filippo Lippi.

La Madonna degli Innocenti risale, ovviamente, a un periodo vicino a quello in cui è stata realizzata la Lippina, databile al 1465 circa. Non ci sono documenti che attestino con sicurezza la realizzazione da parte di Botticelli (tanto che in passato si avanzò addirittura il nome dello stesso Filippo Lippi), ma il dipinto è attribuibile al grande artista fiorentino per la sua alta qualità e per la capacità d'invenzione, caratteristiche compatibili con l'estro del giovane Sandro Botticelli. Il fatto che l'opera ricalchi lo schema della Lippina è probabilmente dovuto al fatto che il dipinto di Filippo Lippi ebbe un grande successo e, come soleva accadere, le botteghe dei grandi artisti replicavano soggetti fortunati che i committenti privati richiedevano con gran frequenza.

Madonna degli Innocenti di Sandro Botticelli


Aspetta, non chiudere la pagina subito! Ti chiediamo solo trenta secondi del tuo tempo: se quello che hai appena letto ti è piaciuto, clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter! Niente spam (promesso!), e una sola uscita settimanale per aggiornarti su tutte le nostre novità!





Torna all'elenco dei capolavori della rubrica "L'opera del giorno"






Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Cinquecento     Novecento     Barocco     Quattrocento     Firenze     Genova     Roma    

Strumenti utili