Il ministro Bonisoli: “La riforma del Ministero dei Beni Culturali ideata per razionalizzare spesa ed evitare sprechi”


Per il ministro dei beni culturali Alberto Bonisoli, la riforma del MiBAC da lui ideata è un modo per razionalizzare la spesa ed evitare gli sprechi.

La riforma del Ministero dei Beni Culturali (leggi qui le novità della bozza e qui la nostra analisi) è il frutto di un percorso ideato per razionalizzare le spese ed evitare gli sprechi. Ad affermarlo in una nota ufficiale è il ministro dei beni culturali Alberto Bonisoli, secondo il quale la riforma contiene “alcuni elementi di novità. Maggiore attenzione ai territori, la cancellazione di inutili sovrapposizioni attraverso l’eliminazione di duplicati e funzioni doppie per una migliore azione amministrativa, ottimizzazione ed razionalizzazione della spesa, superando i confini amministrativi e legando tra di loro situazioni e siti secondo una logica tematica”.

Per quanto riguarda prestiti e scambi di opere con l’estero, “le novità introdotte rispondono ad una esigenza di certezza del diritto e uniformità delle procedure”. Infatti, sostiene il ministro, ”si è deciso di armonizzare le relazioni internazionali evitando comportamenti opportunistici che, invece, l’attuale normativa, al contrario, consentiva".

“Per la prima volta nella storia del MiBAC”, conclude infine Bonisoli, “il processo che ha portato alla rielaborazione di questo decreto ha avuto un percorso partecipato e concertato, cominciato mesi fa. Prima della stesura definitiva sono stati riuniti e ascoltati sindacati, dirigenti, associazioni, terzo settore il cui parere è stato tenuto in ampia considerazione e con cui è stata definita una precisa road map che si è chiusa con la firma del presidente del Consiglio dei Ministri”. Il testo ha infatti ottenuto l’approvazione del presidente del consiglio lo scorso 19 giugno e adesso è all’esame della Corte dei Conti.

Nella foto: il ministro Alberto Bonisoli

Il ministro Bonisoli: “La riforma del Ministero dei Beni Culturali ideata per razionalizzare spesa ed evitare sprechi”
Il ministro Bonisoli: “La riforma del Ministero dei Beni Culturali ideata per razionalizzare spesa ed evitare sprechi”


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Bonisoli risponde a tutte le accuse con una lettera: “non una riforma né una controriforma, ma modifiche necessarie”
Bonisoli risponde a tutte le accuse con una lettera: “non una riforma né una controriforma, ma modifiche necessarie”
Polemica su 18app. Vacca: rischiava di saltare? Colpa del Pd. Renzi: pentaleghisti ammettono che era utile
Polemica su 18app. Vacca: rischiava di saltare? Colpa del Pd. Renzi: pentaleghisti ammettono che era utile
Dario Franceschini: 300 nuovi assunti per il MiBACT
Dario Franceschini: 300 nuovi assunti per il MiBACT
Esportazione di beni culturali: cosa prevede la riforma che sarà votata a giorni in Senato
Esportazione di beni culturali: cosa prevede la riforma che sarà votata a giorni in Senato
Si va verso un megamuseo Uffizi-Galleria dell'Accademia? I due istituti fiorentini potrebbero essere accorpati
Si va verso un megamuseo Uffizi-Galleria dell'Accademia? I due istituti fiorentini potrebbero essere accorpati
Giuseppe Conte: “vogliamo offrire ai nostri figli un paese che valorizzi il patrimonio culturale”
Giuseppe Conte: “vogliamo offrire ai nostri figli un paese che valorizzi il patrimonio culturale”