Firenze, si innaffiano i sagrati delle chiese per evitare i bivacchi


Firenze, l’idea del sindaco Dario Nardella: innaffiare i sagrati delle chiese per tenere lontani i turisti.

È partita oggi l’operazione anti-bivacco che il sindaco di Firenze, Dario Nardella, aveva annunciato ieri. Per dissuadere i turisti dal sedersi sui gradini delle chiese per mangiare o bivaccare, il primo cittadino del capoluogo toscano stamani ha fatto irrorare con abbondante acqua saponata i sagrati delle basiliche di Santa Croce e Santo Spirito, due degli edifici di culto più preziosi (e quindi visitati) della città. Documentando il tutto con un live sulla sua pagina Facebook.

Nardella, come detto, aveva annunciato ieri la misura, intervenendo in una trasmissione radiofonica: l’idea è quella di passare con gli idranti verso ora di pranzo in modo da scongiurare l’“assalto” dei turisti ai sagrati delle chiese fiorentine. Con l’effetto collaterale di tenerli puliti. Peccato solo che, col caldo dell’estate, la misura “anti-turista” sia destinata a durare giusto una manciata di minuti...

Nell’immagine: la facciata della Basilica di Santa Croce

Firenze, si innaffiano i sagrati delle chiese per evitare i bivacchi
Firenze, si innaffiano i sagrati delle chiese per evitare i bivacchi


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma