Come arrivare a Volterra


Dopo il successo del post su Volterra, alcune informazioni pratiche su come raggiungere la cittadina toscana in provincia di Pisa

Lo scorso mercoledì vi abbiamo parlato della Volterra etrusca e romana, una meta irrinunciabile per tutti gli amanti dell’antichità. Bene: vi avevamo anche fatto qualche cenno a proposito del fatto che raggiungere questa cittadina, che si trova nel centro della Toscana, non è molto comodo, e alcuni ci hanno quindi chiesto lumi sulla questione. Approfondiamo dunque l’argomento e vediamo com’è possibile raggiungere Volterra per scoprire i suoi capolavori artistici... ci scuserete se oggi il nostro spazio dedicato ai viaggi non tratta temi strettamente artistici, ma date le richieste pensiamo valga la pena fare uno strappo alla regola... e magari inaugurare una sotto-sezione dedicata alle informazioni pratiche :-)

Volterra
Volterra

Il mezzo che noi consigliamo è quello che abbiamo utilizzato noi, ovvero la propria automobile... e il perché di questo consiglio lo vedremo non appena passeremo a parlare di come raggiungere Volterra con i mezzi pubblici. Chi, come noi, viene da nord-ovest (quindi in sostanza per chi deve passare da Pisa), ha due possibilità: da Pisa, si prende la superstrada Firenze-Pisa-Livorno e si esce all’uscita Ponsacco-Pontedera, da non confondersi con l’uscita Pontedera che è quella successiva: ve lo diciamo perché noi una volta lo abbiamo fatto e abbiamo perso mezz’ora di tempo per capire dove dovevamo andare... :-) Una volta usciti, si seguono le strade regionali per circa 40 km (ci sono sempre i cartelli che indicano la via per Volterra). Bisogna attraversare l’abitato di Capannoli e proseguire fino a Lajatico, dove si trova un bivio: Volterra si raggiunge da entrambe le strade, solo che una (quella che passa nei pressi di Montecatini Val di Cecina) è più larga e comoda ma più lunga, l’altra invece è più stretta e tortuosa ma più corta. Su tutte queste strade comunque vige l’obbligo delle catene da neve o dei pneumatici invernali, non dimenticatelo, specie se siete “marittimi” come noi, onde evitare inconveniente spiacevoli nel vostro viaggio. L’altra possibilità è arrivare fino a Cecina con la A12 e di qui prendere la strada che, attraverso la val di Cecina, vi porterà fino a Saline di Volterra: da qui, si sale fino a Volterra. Tutte queste strade sono molto belle e panoramiche :-)

Per chi viene da sud, la strada più veloce e pratica è la stessa menzionata sopra: si arriva con la A12 fino a Cecina, e poi si prendono le strade regionali. Per coloro che invece arrivano da nord-est (per intenderci, per chi passa da Firenze) si prende la superstrada Firenze-Siena e si esce a Colle Val d’Elsa nord: da qui c’è una strada regionale che dopo circa 30 km vi condurrà a Volterra. Vi ricordiamo che se siete in vacanza a Firenze o a Pisa o a Roma, esiste la possibilità di noleggiare un’auto per i vostri spostamenti.

Veniamo ora alle dolenti note dei mezzi pubblici. Per chi arriva in treno, Volterra è dotata di una stazione, che si trova però nella frazione di Saline, distante circa 5 km dal borgo: dunque dovete considerare di prendere un autobus una volta arrivati a Saline. E in treno ci si arriva solo passando da Cecina, l’unica stazione di una certa importanza con cui Volterra è direttamente collegata: da qualunque luogo arriviate, dovrete necessariamente scendere a Cecina e aspettare la coincidenza. Vi diciamo che i treni da Cecina per Volterra partono solo in orari “da ufficio”: la mattina presto e a ora di pranzo, mentre nel pomeriggio Trenitalia copre la tratta con corse sostitutive in autobus. Non proprio il massimo della praticità, insomma. Potete trovare gli orari e i costi collegandovi al sito Trenitalia.com

Visti dunque i presupposti ferroviari, potrebbe non essere una cattiva idea arrivare a Volterra con l’autobus. In questo caso, da qualunque località si arrivi, bisogna arrivare per forza a Pontedera (facilmente raggiungibile in treno da Pisa e da Firenze) o a Colle di val d’Elsa, le due città da cui prendere l’autobus per Volterra. Da Pontedera l’autobus è il numero 500 della Compagnia Pisana Trasporti e parte, dalla stazione di Pontedera, all’incirca ogni due ore nei giorni feriali (attenzione ai festivi). Potete consultare gli orari cliccando su questo link e selezionando la linea 500, orario feriale o orario festivo. Allo stesso link trovate anche le partenze da Colle di val d’Elsa (in questo caso la linea è la 770), ma la frequenza delle corse è di gran lunga minore. Per chi è deciso ad affrontare il viaggio in treno, allo stesso link trovate anche gli orari degli autobus da Saline a Volterra: la linea è la 790. C’è anche la possibilità di raggiungere Saline da Cecina con l’autobus e sempre con la linea 790.

Se avete bisogno di maggiori informazioni o volete organizzare un transfer privato (esiste anche questa possibilità se magari soggiornate a Pisa o a Firenze) vi consigliamo di rivolgervi alla nostra amica Deyse di Passeios na Toscana, guida e accompagnatrice preparatissima, che vi può fornire assistenza per organizzare il viaggio, e soprattutto farvi da guida per le visite in loco.


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE

Gli autori di questo articolo: Federico Giannini e Ilaria Baratta

Gli articoli firmati Finestre sull'Arte sono scritti a quattro mani da Federico Giannini e Ilaria Baratta. Insieme abbiamo fondato Finestre sull'Arte nel 2009. Clicca qui per scoprire chi siamo


La Volterra etrusca e romana
La Volterra etrusca e romana
Volterra, Pinacoteca Civica
Volterra, Pinacoteca Civica
Cinque sorprese da vedere a Pisa (oltre alla Torre e alla piazza)
Cinque sorprese da vedere a Pisa (oltre alla Torre e alla piazza)


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. Deyse Ribeiro in data 22/01/2015, 10:36:03

Grazie mille amici per indicare i miei servizi. ;-)



2. Sandra Zandigiacomo in data 22/01/2015, 11:36:40

Ci sono stata a giugno, 3 giorni indimenticabili in una stagione adatta per la sua luce che esalta i colori della città e del paesaggio circostante. E poi il cibo il vino il calore della gente ed i resti etruschi...che dire?







Torna indietro



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana    

NEWSLETTER