La lunga marcia della Pop art. Un resoconto erudito del persistente influsso del movimento


Qual è l'influenza che la Pop Art esercita ancora al giorno d'oggi? Prova a rispondere alla domanda questo articolo di The Art Newspaper tradotto dalla nostra Ilaria.

In quest’articolo pubblicato su The Art Newspaper e scritto da Pac Pobric, viene analizzata la Pop art soffermandosi sull’influsso che questo movimento ha ancora ai nostri giorni sulla nostra società. Vi proponiamo l’articolo nella mia traduzione e qui il link dell’originale. ;)

Dalla fine degli anni Cinquanta del Novecento, con l’avvento della Pop art, è stato affidato agli artisti il compito di affrontare il retaggio e le implicazioni del suddetto movimento. Negli ultimi anni, studiosi e curatori lo stanno analizzando con l’analoga urgenza dell’epoca della sua nascita. Questo mese, la Yale University Press ha pubblicato The long march of Pop: Art, Music and Design 1930-95 (“La lunga marcia del Pop: Arte, musica e design 1930-95”), libro dello storico dell’arte Thomas Crow, che esamina il ruolo di artisti come Andy Warhol e Roy Lichtenstein nel vastissimo contesto della cultura americana e internazionale del Novecento. Qui, viene analizzata la lunga storia della Pop art, mettendola in parallelo con le tradizioni dell’arte popolare americana e relazionandola con gli sviluppi successivi, come il punk della Los Angeles degli anni Ottanta.

“Si è sempre pensato che la Pop art si sia affievolita alla fine degli anni Sessanta del secolo”, afferma Crow. “Ma io non penso che sia così. Il libro dimostra come l’impulso pop che arrivò così vivacemente negli anni Sessanta sia frutto di una lunga preparazione” sostiene Crow. “Successivamente, si è diretta verso altri ambiti della cultura”.

Il suo libro è l’ultimo di una serie di riesami contemporanei sulla vasta influenza della Pop art. Il Seattle Art Museum ha ospitato fino all’11 gennaio “Pop Departures”, che accoppia artisti storici come Warhol ad artisti attuali come Josephine Meckseper. Inoltre, il libro di Crow è stato pubblicato prima di “International Pop” al Walker Art Center di Minneapolis (9 aprile – 6 settembre), in cui viene gettato uno sguardo sullo sviluppo del movimento oltre il mondo occidentale. Ma questo interesse non ha luogo solo in America: la Tate Gallery a Londra ha ospitato recentemente retrospettive dedicate a Roy Licthenstein (in collaborazione con l’Art Institute di Chicago nel 2013) e a Richard Hamilton (nel 2014).

Antônio Henrique Amaral, Homenagem ao Século 20/21
Antônio Henrique Amaral, Homenagem ao Século 20/21 (“Omaggio al secolo 20/21”), 1967, su concessione del Walker Art Center per The Art Newspaper

Il Whitney Museum of American Art di New York è stato particolare fulcro di mostre sulla Pop art e sul suo influsso negli ultimi anni. Nel 2012, il museo ha ospitato due mostre che andavano oltre l’ostentazione Pop e si avvicinavano alle sue implicazioni più oscure: “Sinister Pop” e “Dark and Deadpan: Pop in TV and the Movies”. L’anno successivo, il Whitney ha tenuto “Robert Indiana: Beyond Love”, prima retrospettiva americana dell’artista, a cui ha fatto seguito, nel 2014, la grande retrospettiva dedicata a Jeff Koons.

Donna de Salvo, principale curatrice del Whitney e co-organizzatrice di “Sinister Pop”, afferma che il rinnovato interesse degli studiosi per la Pop art conduce a una rivalutazione della nostra stessa cultura contemporanea. “Ad ogni modo, la moltitudine di immagini che oggi vediamo ovunque e che provengono da un’arte figurativa già esistente costituiva il punto di forza della Pop art. Così quest’ultima attesta la nostra situazione attuale. La storia ci permette di osservare il nostro stesso tempo e, in modo divertente, la Pop art ci offre un punto di riflessione su ciò”.

Lo storico dell’arte Hal Foster, autore di “The First Age of Pop” del 2011, sostiene che, in particolare, gli influssi pop cambiano a seconda di come consideriamo le nostre identità. “Dopo un certo periodo nella società capitalistica, siamo diventati homo imago”, afferma, riferendosi al fatto che la nostra identità è legata al modo in cui siamo rappresentati nelle immagini. “Le persone sono al giorno d’oggi una sorta di immagine e questa è una delle conseguenze della Pop art, soprattutto quella di Warhol” afferma Foster. Lo sviluppo dei social network come Facebook e Twitter, che sono inondati di immagini, dimostra il punto di vista di Foster.

Per Crow, la Pop art necessita di essere compresa nella sua più profonda storia sociale al fine di darle un senso. “L’arte figurativa non è valorizzata se viene emarginata. È riduttivo non pensare alle sue relazioni e al suo feedback continuo”. La Pop art, forse più di qualsiasi altro movimento artistico, offre questi confronti e illustra la loro persistente importanza. “Ne emerge che la Pop art non si è mai arrestata”.


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90€

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Ilaria Baratta

L'autrice di questo articolo: Ilaria Baratta

Sono co-fondatrice di Finestre sull'Arte con Federico Giannini. Sono nata a Carrara nel 1987 e mi sono laureata a Pisa. Sono caporedattrice di Finestre sull'Arte.

Leggi il profilo completo


L'America malinconica nelle fotografie del regista Wim Wenders. E una mostra per vederle
L'America malinconica nelle fotografie del regista Wim Wenders. E una mostra per vederle
27 gennaio: l'arte è memoria. L'opera di Roman Halter
27 gennaio: l'arte è memoria. L'opera di Roman Halter
Il desiderio dell'uomo per la donna nell'arte dell'Ottocento
Il desiderio dell'uomo per la donna nell'arte dell'Ottocento


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. VanArt di Vanessa Simone in data 10/02/2015, 23:44:39

La pop art è viva e vegeta, ma, badate bene, la pop art non è moderna, la pop art è vecchia di 50 anni. Moderna era l'idea, ancora attuale che l'effimero può essere opera d'arte, persino il cartellone pubblicitario. Persino la pubblicità è un opera d'arte. La pop art vive di ricordi e di nostalgie. Ne abbiamo parlato sul nostro blog www.vanartshop.it



2. maria in data 15/03/2015, 20:14:40

ragazzi la vostra opera è di grande importanza. I vostri articoli illustrano i movimenti artistici nel tempo e ne spiegano l'importanza. Sono indispensabili per meglio, ovvero finalmente accedere alla comprensione dell'arte.



3. Maria Cordaro in data 15/03/2015, 20:15:03

ottimi maestri







Torna indietro



Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Barocco     Quattrocento     Genova     Toscana