Ricostruire il tempio G di Selinunte? Idea vecchia e sbagliata: lo dicevano già Brandi e Bianchi Bandinelli


Sgarbi lancia di nuovo la proposta di ricostruire il tempio G di Selinunte: un'idea vecchia e sbagliata. Lo dicevamo già Brandi e Bianchi Bandinelli.

Non è nuova, né tanto meno originale, l’idea di ricostruire il tempio G di Selinunte, rilanciata ieri da Vittorio Sgarbi, che da novembre è il nuovo assessore alla cultura della Regione Sicilia e che per tutta la campagna elettorale ha sbandierato l’ipotesi di ricostruzione come suo cavallo di battaglia. Nelle scorse ore, lo storico dell’arte ferrarese ha diffuso le stime sui costi per rialzare le colonne del tempio, abbattuto da un sisma in epoca altomedievale, quando Selinunte era già disabitata e in stato di abbandono da secoli. E da quell’evento, del tempio G non è rimasto altro che un ammasso di rovine su cui svetta un’unica colonna, ribattezzata “il fuso della vecchia” dagli abitanti della zona.

Rimonta al 2011 l’ultimo tentativo di proporre all’attenzione dell’opinione pubblica l’idea d’una ricostruzione del tempio G: allora governatore della Sicilia era Raffaele Lombardo e principale testimonial della ricostruzione era lo scrittore e storico Valerio Massimo Manfredi. Il progetto fu subissato dalle critiche di buona parte del mondo scientifico, e produsse come unico risultato concreto un modello in legno di come doveva apparire il tempio quando ancora non era stato distrutto. Occorre però sottolineare alcuni aspetti della vicenda storica dell’edificio: si tratta infatti di un’opera che non fu mai completata. Più nel dettaglio, il progetto fu interrotto dall’invasione cartaginese di Selinunte, che nel 409 a.C. pose fine alle ambizioni degli abitanti: i nemici assediarono la città e, una volta entrati, la sottoposero a saccheggi e distruzioni, facendo strage dei suoi residenti. L’evento decretò, in sostanza, la fine della città: diversi abitanti in seguito vi fecero ritorno, ma Selinunte non riuscì mai a raggiungere lo splendore e l’importanza che ebbe prima della sconfitta contro Cartagine, e già nel 250 a.C. risultava in gran parte abbandonata. Il grande tempio rimase dunque incompiuto, e in più non sappiamo con certezza quale fosse il suo aspetto originario. Pertanto, l’unico progetto possibile per il tempio G potrebbe essere una anastilosi, ovvero quel particolare tipo di ricostruzione che prevede la ricomposizione di edifici o porzioni di edifici distrutti attraverso l’utilizzo dei pezzi originali che si sono conservati, ricollocandoli esattamente dov’erano in antico, e solo sulla base di dati sicuri.

Le varie carte del restauro emanate negli anni per disciplinare la materia forniscono precise indicazioni sull’anastilosi. La Carta italiana del restauro del 1972, in particolare, indica che sono ammesse solo le “anastilosi sicuramente documentate”, mentre la Carta di Venezia, redatta nel 1964, prescrive che “è da escludersi a priori qualsiasi lavoro di ricostruzione, mentre è da considerarsi accettabile solo l’anastilosi, cioè la ricomposizione di parti esistenti ma smembrate”. Nel caso del tempio G di Selinunte, è possibile parlare di una anastilosi sicuramente documentata? E soprattutto: l’immagine del tempio risollevato (perché solo a questa operazione si limiterebbe l’intervento, così com’è stato fatto per la criticatissima anastilosi del tempio E, avvenuta negli anni Cinquanta) sarebbe fedele a quella che si parava dinnanzi allo sguardo degli antichi, abituati a vedere le colonne non come finestre libere sul paesaggio, ma come cornice che racchiudeva le pareti del naos? Ma non sono questi gli unici rischi che un’eventuale anastilosi comporterebbe. Non sempre le anastilosi si sono rivelate rigorose, e spesso i materiali originali sono stati integrati anche con elementi di natura radicalmente diversa (ne è un esempio lo stesso tempio E, integrato con inserti in cemento armato). E ancora: le rovine giacciono inerti da secoli, abbandonate all’azione del tempo e degli agenti, che ne hanno comportato un’ulteriore rovina. Di conseguenza, anche se fossero rimesse in piedi, di sicuro avrebbero ben poco a che vedere con quello che doveva essere l’aspetto del tempio prima del crollo. Molti paventano dunque la ricostruzione di un falso storico: ma anche se un falso non dovesse risultare, prodigarsi in un’impresa titanica per ripristinare solo un’ombra sbiadita d’un tempio incompiuto è forse da ritenere operazione avventata, arrischiata e, quanto meno, di dubbia valenza scientifica.

Jean Pierre Houël, Rovine del tempio grande di Selinunte
Jean Pierre Houël, Rovine del tempio grande di Selinunte (1782; inchiostro, pietra nera e gouache su carta, 35,1 x 54,5 cm; Parigi, Louvre, Cabinet des Dessins)

È quanto pensava Ranuccio Bianchi Bandinelli al tempo in cui fu ricostruito il tempio E. Il grande archeologo scrisse, in tal senso, che “l’esempio più grave di iniziativa sbagliata è però offerto ora dalla ricostruzione del tempio E di Selinunte. Si è speso assai, oltre i cento milioni; si sono fatti, da parte della direzione dei lavori, miracoli di ingegnosità tecnica, che solo un’intelligente passione per il monumento antico poteva dettare; e tutto ciò per un risultato deplorevole. Deplorevole da vari punti di vista. Si è alterato un paesaggio ormai classico, sul quale sono state scritte pagine di alta poesia, un paesaggio che aveva ormai un suo valore culturale così come esso era; e questa distruzione di un valore culturale (evidentemente non sentito o ignoto a chi ha voluto il ripristino) avrebbe potuto essere giustificato, tutt’al più, da un preciso interesse scientifico archeologico, in modo che la perdita di un valore culturale fosse compensata dalla acquisizione di un altro. Invece, ricostruendo, come si è fatto, senza prima aver eseguito il rilievo dei frammenti pezzo per pezzo, si sono distrutte le possibilità di accertamento e di studio di quei particolari strutturali dell’architettura antica, che sono ancora oggetto di indagine e di discussione, specialmente per precisare i rapporti complessi e in parte ancora ignorati tra Grecia e Sicilia. Culturalmente e archeologicamente, quindi, il risultato è del tutto negativo”.

Esiste poi un serio problema d’opportunità: risollevare le colonne del tempio G equivarrebbe a cancellare con un colpo di spugna circa mille e quattrocento anni di storia. Sugli stessi argomenti s’erano espressi gli studiosi che avanzarono critiche, talvolta anche pesanti, sull’anastilosi del tempio E. A proposito di quest’ultima operazione, così s’era pronunciato Cesare Brandi: “anche se la ricostruzione fosse stata fatta in modo ineccepibile, senza quell’andare a tentoni sul modo di riempire le lacune, sicché il tempio si ostende come un campionario di tecniche surrettizie per lo più dissennate, sarebbe stato ugualmente un errore averlo ricostruito: perché non si attenta alla maestà di un rudere che la storia, attraverso più di venti secoli, ci aveva consegnato rivestito di tale tragica bellezza, che niente occorreva di più, anche per un profano, per fantasticarlo quale fosse - giacque ruina immensa - quando era in piedi”. Si pensi ai disegni, ai dipinti, alle stampe che ci hanno lasciato gli artisti del passato che visitavano Selinunte e che rimanevano colpiti alla vista di quanto la natura e i secoli avevano causato all’opera dell’uomo: la contemplazione delle rovine è certo lontana dalla nostra sensibilità, e sarebbe frutto di un tardivo revival romantico utilizzarla come argomento contro l’anastilosi, ma è altrettanto vero che una ricostruzione si configurerebbe come un intervento arbitrario contro una storia plurisecolare di cui quelle rovine sono parte integrante.

Un’eventuale ricostruzione del tempio G di Selinunte non avrebbe niente a che vedere con l’anastilosi degli affreschi della Basilica di Superiore di Assisi, crollati con le scosse del 1997 (un esempio che, nel corso d’un dibattito, il summenzionato Valerio Massimo Manfredi addusse per giustificare l’eventuale operazione sull’edificio sacro siciliano): ma nel caso di Assisi, si trattò di riparare danni recentissimi all’interno di un edificio ancora integro, oltre che di restituire alla comunità assisiate un suo simbolo riconosciuto.

Operazioni di questo tipo vanno certo valutare caso per caso, ma dare inizio alla ricostruzione d’un tempio crollato all’incirca quattordici secoli fa forse non è proprio una priorità per il sistema dei beni culturali della Sicilia. Non occorre enumerare l’elenco di quanti, negli ambienti scientifici e accademici, hanno ribadito la loro contrarietà all’evento (basti pensare che, quando l’ipotesi di ricostruzione fu ventilata da Lombardo nel 2011, Settis parlò di “opera di regime fuori tempo” e Giuseppe Voza di una “follia”, e addirittura negli anni Settanta - evidentemente la proposta è ciclica - un gruppo di docenti dell’Università di Palermo definì “nuovi vandali” i fautori del progetto): basti ricordare che gli interventi dovrebbero essere condotti per salvaguardare e per conservare, e non per dar vita a operazioni che con la storia hanno poco a che vedere.



Federico Giannini

L'autore di questo articolo: Federico Giannini

Giornalista d'arte, ho fondato Finestre sull'Arte nel 2009 con Ilaria Baratta. Sono nato a Massa nel 1986 e ho ottenuto la laurea specialistica a Pisa nel 2010. Oltre che su queste pagine, scrivo su Art e Dossier e su Left.

Leggi il profilo completo

Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante, clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter: niente spam, una sola uscita settimanale per aggiornarti su tutte le nostre novità!


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. Lucio Trizzino in data 20/01/2018, 20:20:03

Giannini: posizione ineccepibile, argomentazioni perfette. Come scrisse F.S. Cavallari, a proposito di analoghe ricostruzioni che venivano ventilate (G. Patricolo, G.B. Basile) per i templi di Agrigento, "un'antichità nuova è cosa priva di senso". Non ci sarebbe altro da aggiungere, ma farlo sarà necessario per contrastare con fermezza il ripetersi della sciagurata operazione condotta dalla soprintendente Marconi sulle rovine del Tempio E.
Lucio Trizzino



2. Giuseppe Daricello in data 21/01/2018, 11:05:56

La ricostruzione del tempio E lascia tutti a bocca aperta. Molto più dei ruderi abbandonati ed.il disfacimento del tempio G Sono x la ricostruzione GIUSEPPE DARICELLO



3. Ulisse in data 21/01/2018, 17:02:22

Antonino Vorrei conoscere il parere dell'autore dell'articolo sul recupero di colonne in un edificio romano ad Aquileia (Friuli), costituite da laterizi e andate completamente in frantumi, un lavoro certosino e costoso per rimetterle intere in piedi. Lasciare le colonne dei templi greci a terra, in Sicilia, e in qualsiasi altro luogo, è una sconfitta, una vera stupidaggine, un tradimento verso coloro che ci hanno preceduto, che per motivi religiosi e di orgoglio avevano innalzato. Un tempio come quello di Selinunte, dedicato a Zeus, maestoso nelle forme e nella sua grandezza e significato, dovrebbe coinvolgere positivamente studiosi, storici, intellettuali, mecenati, invece dobbiamo tollerare un appiattimento disperato e vergognoso sui nostri beni storici e artistici, scommetto che tale apatia riguarda il tempio di Selinunte, solo perchè si trova al sud di un'italia fallita.





4. Giuseppe Taddeo in data 22/01/2018, 00:05:48

Il convegno si tenne al Baglio Florio del Parco Archeologico di Selinunte, voluto da Caterina Greco, il 22 ottobre 2011.
Tra i vari interventi ricordo quello del compianto Prof. Giuseppe Basile, dell'Istituto Centrale di Restauro di Roma, che, richiamando i grandi maestri Cesare Brandi e Ranuccio Bianchi Bandinelli, non poté che confermare che la ricostruzione di un tempio incompiuto sarebbe stata "operazione avventata, arrischiata e, quanto meno, di dubbia valenza scientifica".
Del convegno sono stati pubblicati gli atti: "Selinunte - Restauri dell'antico" (De Luca editori d'Arte).



5. GUIDO in data 23/01/2018, 09:56:00

Vorrei solo ricordare come una buona metà della Francia medioevale è stata ricostruita nel senso proposto da Sgarbi e quei monumenti rifatti attirano ogni anno milioni di visitatori producendo un notevole flusso economico.
Non sarebbe ora di liberarsi di certi pregiudizi ???

Guido Cucchiara



6. MARISA DE CARLI in data 23/01/2018, 23:32:15

Pienamente d'accordo, e credo proprio sia preferibile un "tardivo revival romantico" in difesa della tragica bellezza delle rovine del tempio di Selinunte piuttosto che un delirio di onnipotenza che ne proporrebbe la ricostruzione...
Soprattutto convincenti ed equilibrati gli ultimi due paragrafi: grazie.
Marisa De Carli



7. Nicola Turco in data 24/01/2018, 18:45:42

Ho appena letto il suo articolo, sono pienamente d'accordo con Lei e mi meraviglia il fatto che, pseudo storici dell'arte, improvvisati architetti, archeologi etc., non si rendono conto di quello che dicono! Non capiscono che la teoria del restauro è una materia scientifica, attestata da studiosi, quali Cesare Brandi, Bandinelli, R. Pane tanto per citarne qualcuno. Questi studiosi hanno studiato anni per scrivere la Carta italiana del Restauro, documento ancora insuperabile dal punto di vista teorico. Forse influenzato/i dall'avvocato L.B. Alberti, che nel 1400 all'incirca, aveva iniziato la teoria del restauro con l'intervento sul Tempio di Gisismondo Malatesta a Rimini? La differenza che l'Alberti ci ha lasciato dei trattati di architettura, pittura e scultura di una certa rilevanza culturale, quest'altro/i ci lasciano le chiacchiere di salotto, oppure vorrebbero diventare "imperatori"come Adriano!!Ricostruire il tempio poi mi chiedo con quale materiale originale? se lo stesso non è mai stato completato, peggio ancora se si falsifica l'anastilosi e quali materiali si dovrebbero impiegare? Complimenti per il suo eccellente e scientifico articolo. Un caro Saluto arch. Nicola Turco





8. Giuseppe in data 11/03/2018, 18:15:14

Povera Sicilia, in mano ai cultural chic, quelli che non visiteranno, per la supponenza dell'università più squalificata del pianeta, l'acropoli di Atene e Afrodisia, le cui ricostruzioni sono emblemi culturali e pilastro delle economie greca e turca.
Prima della guerra in Siria, l'anastilosi della Biblioteca di Celso ad Efeso portava a quel Paese quasi un miliardo di euro all'anno.
Quel tempio siceliota, più colossale della quarta delle sette meraviglie fissate da Antipatro di Sidone, ha dunque solo una sfortuna, quella di trovarsi a Castelvetrano e non in ogni altra parte d'Europa.
Giuseppe Cardillo, Firenze



Commenti dal post ufficiale su Facebook



Torna indietro



Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Politica e beni culturali     Arte antica     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Barocco     Cinquecento     Novecento     Firenze     Quattrocento     Genova     Roma    

Strumenti utili