Il San Michele Arcangelo di Guido Reni | Finestre sull'Arte - La nota

La nota

2009, Seconda puntata

Nel suo secondo appuntamento con la rubrica La nota, Ambra ci propone una bellissima analisi del "San Michele Arcangelo" di Guido Reni, che si trova a Roma in Santa Maria della Concezione, in Via Veneto. Un ottimo coronamento per la puntata sul grande artista bolognese.


Quando i nostri occhi contemplano un'espressione artistica così eccelsa, un invadente stupore sembra invadere il nostro cuore.
Una pittura argentea capace di raggiungere livelli straordinari di intensa delicatezza fissando i canoni di una bellezza virtuosa, una bellezza che si propone come modello estetico e morale. Immerse in un idealismo classicheggiante, le opere di Guido Reni ripercorrono i sentieri idilliaci del mito e della storia antica con uno sguardo di stima verso l'eredità culturale del Rinascimento. Una ricerca del vero necessaria e fortemente voluta, ma depurata dei suoi aspetti più volgari fino alla sublime rappresentazione del vero ideale.

Quel sottile e fragile equilibrio che cerca di mediare la purezza del divino con l'oscurità del vero si evince da ogni sua opera capace di coniugare l' esigenza di verità caravaggesca con il divino classicismo di Raffaello nel complesso confrontarsi con la tradizione.
Vesti fruscianti, delicati panneggi, volti fanciulleschi testimoniano l'alto senso della bellezza risultato finale di un approccio conservatore che ripropone la monumentalità antica ed il naturalismo contemporaneo.

Ecco che l'animo cristiano affianca la grazia e la delicatezza in raffigurazioni umane e divine il cui corpo diventa ricordo mormorato di un passato da rievocare come testimonia il celebre "San Michele Arcangelo" commissionato all'artista dal cardinale Antonio Barberini e realizzato su tela di seta.
Morbidi panneggi colorati avvolgono il sinuoso corpo dell'angelo in un intenso classicismo all'interno di un'equilibrata composizione capace di evidenziare la celestiale bellezza del volto angelico.
Le decise curve compositive fanno risuonare l'intera composizione sulla base di una iconografia antica impostata sulle note di un'avvolgente sinfonia.

Grande fu il riconoscimento e la stima dei contemporanei i quali non esitarono a confrontare la graziosa, ma allo stesso tempo possente creatura angelica con l'Apollo del Belvedere.
Il suo braccio destro così muscoloso e possente nell'impugnare quella spada così sottile ed affilata pronta a sconfiggere il demonio intraprende l' eclatante diatriba che sembra apparire ai nostri occhi nell'ammirare la bellezza ideale dell'angelo contrapposta alla brutalità del demonio.

"Vorrei aver avuto pennello angelico, o forme di Paradiso per formare l'Arcangelo, o vederlo in Cielo; ma io non ho potuto salir tant'alto, ed invano l'ho cercato in terra. Sicchè ho riguardato in quella forma che nell'idea mi sono stabilita".
E fu quell'idea così ben chiara e definita nella mente geniale dell'artista che il bene, nella personificazione del San Michele sembra abbracciare il bello accompagnando la mente dell'osservatore verso la comprensione della più antica lotta mai esistita tra il bene ed il male. Ma osservando con attenzione quell'orrida creatura portatrice di sciagure, essa non ha forse le sembianze di un potente uomo di Chiesa?

Lo sguardo demoniaco così fortemente espressivo testimone della sconfitta ormai sopraggiunta nasconde forse una personale vendetta dell'artista nei confronti di un papa alquanto indisponente?
"L'angelo io non potevo vederlo e dovetti dipingerlo secondo la mia fantasia. Il demone invece l'ho incontrato parecchie volte, l'ho guardato attentamente e ho fissato i suoi tratti proprio come li ho visti".
E fu proprio così che Guido Reni si giustificò al cospeetto di Papa Innocenzo X che vedendosi ritratto in sembianze demoniache si pentì di aver riservato all'artista parole ben poco piacevoli sul suo operare artistico.
Ma se l'arte, la vera arte è eterna, allora la vendetta dell'artista sfiorerà gli albori dell'eternità.

Ambra Grieco