La Maestà di Ambrogio Lorenzetti

La nota

2010, Terza puntata

Una delle opere più importanti di Ambrogio Lorenzetti è la Maestà conservata nel Palazzo Comunale di Massa Marittima, in provincia di Grosseto. Una raffinata analisi per completare il percorso su Ambrogio Lorenzetti iniziato all'interno della terza puntata del nostro podcast.


Avvolta da un manto scuro, nella dolcezza di un abbraccio teneramente accennato, ella ha nei suoi occhi la profonda consapevolezza di un messaggio universale. Il suo candido volto si affianca a quello del suo Bambino e le loro labbra sembrano sfiorarsi nel casto gesto di un amore eterno.
Le due ali aperte degli angeli accolgono su di un soffice cuscino la dolce unione fra madre e figlio, nella testimonianza senza tempo di un legame indissolubile. E le tre Virtù teologali, sedute sui gradini che recano il loro nome, custodiscono amorevolmente i loro attributi simbolici, abbracciate da folte schiere di Patriarchi e Santi.

La beata dolcezza sbocciata sui volti degli angeli musicanti sembra voler accompagnare l'osservatore all'ascolto soave delle loro melodie pacate. Quella minuzia descrittiva con la quale Ambrogio Lorenzetti raffigura gli strumenti musicali, sorretti e suonati da creature angeliche, ha la forza di creare una profonda sinestesia che conduce in una dimensione idilliaca e celestiale.
Oltre ogni confine sensoriale, il suono del liuto, delle vielle e del salterio sembrano unirsi per creare una melodia mai ascoltata le cui note incoronano l'amore divino al cospetto del genere umano.
Il pizzicar delle corde si unisce ad una pioggia di fiori incantati nel connubio visivo di sfavillanti colori e luminosi pigmenti dorati.

Quel rigore prospettico, nella Maestà di Ambrogio Lorenzetti ha la forza di creare notevoli effetti di profondità atmosferica in cui i personaggi, finemente descritti, possiedono una propria e ben marcata individualità, nella squisita delicatezza delle decorazioni e degli incarnati.
Di nobilissimo ingegno, Ambrogio Lorenzetti possiede la notevole capacità di impreziosire le sue figure con quell'umanità e quella dolcezza che probabilmente furono parte integrante del suo carattere. Ghiberti a tal proposito ne loda capacità, umanità e saggezza ed il Vasari esalta il suo “bellissimo ingegno” caratterizzato da “assai buona grazia e bella maniera”. “Persona nella pittura valente” dotato di una singolare e spiccata abilità artistica sempre e continuamente pervaso da un profondo spirito di ricerca e sorretto da una inesauribile dote creativa.

E quel carattere così assetato di sapere lo condusse, come ci conferma il Vasari, ad “... avere dato opera a gli studi delle lettere umane nella sua giovanezza. Le quali gli furono tanto ornamento nella vita, in compagnia della pittura che, praticando sempre con literati e studiosi...” gli permise di raggiungere un' eccelsa ed inuguagliabile espressione artistica.

Ambra Grieco








Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana