Pittore, poeta, musicista: le tante facce di Salvator Rosa

La nota

2010, Ventesima puntata

Salvator Rosa non fu soltanto un grande pittore: la sua versatilità gli permise di essere anche uno stimato poeta e letterato, un buon musicista e anche un attore dilettante. Con l'articolo di oggi e con il consueto stile raffinato, Ambra ci parla delle sue tante attività partendo dall'infanzia vissuta a Napoli.


Casa dolce casa, tu che un tempo ammiravi da laggiù, la vetta alta del Vesuvio, nel cuore di un piccolo paesse di nome Antella, dove il musicar del dialetto napoletano risuonava fra le mura delle antiche abitazioni.
È curoso imaginare dove un tempo lontano nacque Salvator Rosa, nelle stanze in cui vissero i soi nonni, stanze che oggi purtroppo non esistono più.

Giovane fanciullo accolto dai frati somaschi, imparò a leggere e a scrivere, ma in cuor suo sentiva di non aver raggiunto ancora ciò che il suo animo desiderava.
Imparò dunque a suonare, fra le dolci note di uno spartito ancora tutto da scoprire, dedicandosi altresì all'arte della pittura, dove il genio della sua mente vagò fino all'orizzonte più lontano di paesaggi marini, villaggi e porti baciati dal suo sguardo.

Non meno capace fu nell'arte della poesia, sospinta ed esaltata da una vasta erudizione che, accompagnata da spiccate doti mnemoniche, riuscì a ricamare le bianche pagine di un diario da taluni invidiato, ma da molti ammirato e stimato.
“Arrivato dunque il Rosa con le sue facezie a farsi conoscere per comico, per poeta, per suonatore, e per musico...” difficile non fu entrare nella grazia e nella stima di personaggi importanti del suo tempo.

Bagnato da un'abbondante pioggia di commissioni artistiche, fu così che egli riuscì ben presto a guadagnare ingenti somme di denaro, vivendo spesso in compagnia di amici e ammiratori “...mossi dal desio di vedere le opere del suo pennello..” e “ per godere della lettura he egli stesso faceva delle sue satire”.
Giunto poi in quella che un tempo fu la culla del Rinascimento, dove la sua dimora divenne “l'albergo delle Muse”, dell'erudizione e della cultua, egli, affiancato da illustri esponenti della cultura fiorentina, fondò un'Accademia che venne denominata I percossi, dove il pubblico, durante alcuni mesi dell'anno poteva partecipare ai loro incontri privati.

Il tempo trascorse veloce, fra lo scoccare delle ore ed il susseguirsi degli anni così che egli “desideroso di vivere qualche tempo a se stesso e ai propri studi e di aver queste per poter compilare le sue satire” si recò a Volterra.
Fra la lettura di una satira e l'altra, mentre il suo orgoglio si compiaceva di fronte agli amici letterati, egli nel profondo del suo cuore sentiva che “non era contento in veruna delle due professioni” poiché le invidie e le gelosie tormentavano la sua tranquillità interiotre.

E così, spinto dal desiderio di una sottile vendetta, egli scrisse la Satira dell'invidia contro coloro i quali più volte osarono dubitare della paternità dei suoi scritti.
E fra le rime e i colori, suo figlio Augusto, avuto da Lucrezia, fedele compagna che egli decise di sposare solo in punto di morte, amava ricordarlo così:
“Salvator Rosa, pittore napoletano, non secondo a nessuno del suo tempo, e pari ai migliori poeti di tutti i tempi”.

Ambra Grieco








Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Politica e beni culturali     Arte antica     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Barocco     Cinquecento     Quattrocento     Firenze     Genova     Roma    

Strumenti utili