Inghilterra, scoperta una rara e preziosa statua romana del dio Triton


In Inghilterra è stata scoperta una ’spettacolare’ statua del dio Tritone: una rara e preziosa opera di epoca romana, del I-II secolo d.C.

Una statua di Tritone “spettacolare”: così l’ha entusiasticamente definita Richard Hobbs, il curatore senior della Britannia romana al British Museum, commentando ritrovamento fatto nei pressi di un piccolo villaggio della contea di Kent, Teynham. in Inghilterra. “Nulla di simile è stato scoperto prima”, ha aggiunto l’esperto.

E come sempre accade il ritrovamento è stato possibile grazie a scavi che venivano eseguiti in preparazione dell’edificazione di un nuovo complesso residenziale, fino a quando non è spuntata la statua raffigurante la divinità marittima della mitologia romana, conservata e integra nei suoi 70 centimetri di altezza e 70 larghezza, con un peso intorno ai 60 kilogrammi. L’area è stata poi affidata agli archeologi del Canterbury Archaeological Trust (CAT) che hanno scoperto ulteriori manufatti, tra cui un mausoleo. Il tutto risalente a circa 1700 anni fa.

“Ci aspettavamo un interessante ritrovamento di epoca romana, forse un cimitero, ma i reperti rinvenuti, tra cui la strepitosa e unica statua di un Tritone e i resti del mausoleo hanno superato di gran lunga le aspettative”, ha commentato Robert Masefield, direttore della società di servizi per tutela patrimonio archeologico RPS Group. “Questi reperti”, annuncia, “fanno ora parte dell’eredità locale di Teynham e della ricca storia romana delle nazioni. Ulteriori studi collocheranno i risultati nel loro pieno contesto storico”. Anche perché gli scavi hanno scoperto un mausoleo situato in un recinto murato e con fossato lungo quella che una volta era la strada principale tra Londra e i porti romani di Richborough e Dover.

Scoperta statua di Tritone in Inghilterra
Scoperta statua di Tritone in Inghilterra
Scoperta statua di Tritone in Inghilterra
Scoperta statua di Tritone in Inghilterra

Il sito è stato scoperto per la prima volta durante uno scavo di prova nel 2017, quando vennero ritrovati due frammenti perpendicolari di fondamenta di pareti di gesso e due sepolture a cremazione romana urne. Si capì subito che poteva esserci tanto altro e così fu pianificato uno studio e scavo archeologico che si concentrasse su questa rotatoria lungo quella strada che ora modernamente si chiama A2. All’inizio di quest’anno, la società di consulenza archeologica RPS ha proposto e sviluppato proposte di scavo per mezzo ettaro ed il CAT è stato incaricato di intraprendere l’indagine archeologica iniziata alla fine di maggio 2023.

Il Canterbury Archaeological Trust (CAT) è stato incaricato di guidare lo scavo, che ha rivelato elementi di un recinto murato di 30 metri quadrati che circonda una struttura quadrata di circa 7 metri. Ulteriori scavi hanno rivelato che la struttura è un mausoleo romano contenente una moneta romana datata tra il 320 e il 330 d.C. circa. Il sito comprendeva anche sepolture romane, e forse successive, con vari corredi funerari.

La scoperta di questi giorni è certo la più importante del sito: un’unica pietra scolpita tra la fine del I secolo e il II secolo d.C., e così ben conservata, raffigurante Tritone con il busto di un uomo e la coda di un pesce, che cavalca un mostro marino. In uno degli arti mancanti potrebbe aver tenuto la famosa conchiglia, soffiando nella quale poteva calmare onde e vento. Non mancheranno altre sorprese.


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020