Paesi Bassi, archeologi scoprono antica “autostrada” romana di 2000 anni fa


Nei Paesi Bassi, un team di archeologi ha scoperto, vicino alla città di Nimega, una strada romana di duemila anni fa e un canale: due infrastrutture usate dall’esercito romano. Un ritrovamento unico nei Paesi Bassi orientali.

Importante scoperta nei Paesi Bassi, dove un’équipe di archeologi di RAAP, la più grande agenzia di consulenza e ricerca per l’archeologia e la storia culturale del paese, ha scoperto, nei pressi di Nimega, una strada e un canale di duemila anni fa: si tratta, fanno sapere gli esperti, di due infrastrutture costruite e utilizzate all’epoca dall’esercito romano. Una sorta di rara “autostrada” (questa la definizione data dal RAAP: un anacronismo per rendere l’idea dell’importanza di questa via di comunicazione) che costituisce un ritrovamento unico nei Paesi Bassi orientali.

Il ritrovamento è avvenuto durante gli scavi archeologici in vista dei lavori di miglioramento della diga di Wolferen-Sprok, un progetto che fa parte del programma nazionale di protezione dalle alluvioni e che si pone l’obiettivo di aumentare la sicurezza della diga. L’Olanda fu a lungo una colonia romana (per circa 450 anni, dal 55 a.C. circa fino al 410 circa): qui furono fondati numerosi piccoli insediamenti che avevano lo scopo di rinforzare il Limes Germanicus, il confine settentrionale dei domini di Roma. Il centro più importante dell’area era Ulpia Noviomagus Batavorum, l’odierna Nimega, la città nei pressi della quale è stata trovata la strada di collegamento, che adesso verrà accuratamente studiata.

Anche il canale è un’infrastruttura impressionante, perché con la sua larghezza di dieci metri è sufficientemente grande per il passaggio di navi. Gli archeologi di RAAP ipotizzano che si trattasse di una via di comunicazione acquatica dove passavano navi dell’esercito adibite al trasporto di soldati ma anche di provviste, cibo, materiale da costruzione. Secondo gli archeologi ci sono buone probabilità che questo canale collegasse Nimega e il Reno. Il Reno costituiva un’ulteriore frontiera dell’Impero Romano, e molti soldati erano di stanza da queste parti: l’esercito doveva essere in grado di muoversi velocemente e di essere rifornito con altrettanta celerità. A queste funzioni dovevano assolvere dunque sia il canale sia la strada.

Nella foto, i ritrovamenti degli archeologi di RAAP.

Paesi Bassi, archeologi scoprono antica “autostrada” romana di 2000 anni fa
Paesi Bassi, archeologi scoprono antica “autostrada” romana di 2000 anni fa


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma