Hauser & Wirth si espande e apre una nuova sede a Parigi


Hauser & Wirth, una delle principali gallerie d’arte contemporanea del mondo, si espande per la prima volta in Francia e apre una sede a Parigi.

Hauser & Wirth, una delle principali gallerie d’arte contemporanea del mondo, si allarga, con una nuova apertura: accanto al quartier generale in Svizzera (dove Hauser & Wirth ha gallerie a Zurigo, Gstaad e Sankt Moritz), alle sedi americane (le due gallerie di New York e quelle di Southampton e Los Angeles), quelle inglesi (Londra e Somerset), e alle gallerie di Menorca, Monaco e Hong Kong, la storica galleria sbarca adesso a Parigi. Hauser & Wirth ha infatti annunciato l’intenzione di aprire una nuova galleria sulla riva destra della Senna, vicino agli Champs-Élysées, nell’ottavo arrondissement.

La galleria aprirà in un intero hôtel particulier risalente al 1877, al civico 26 bis di rue François 1er: la nuova sede di Hauser & Wirth si estenderà su 800 metri quadrati su quattro piani. L’edificio neoclassico ha ospitato in passato La Maison Decor, una galleria di arti decorative, fino agli anni ’40. La riconversione dello spazio ripristinerà la galleria al piano terra a doppia altezza, alta sei metri, con un ulteriore spazio espositivo al primo piano.

Hauser & Wirth continua inoltre un impegno di lunga data a sostegno del patrimonio culturale e architettonico delle comunità in cui è presente. Il nuovo spazio parigino di Hauser & Wirth sarà progettato dall’architetto parigino Luis Laplace, che ha lavorato a stretto contatto con la galleria dal 2013 su diversi progetti che hanno restaurato in modo sensibile edifici architettonicamente significativi. Le collaborazioni tra Hauser & Wirth e Laplace includono l’attuale creazione di una nuova galleria ammiraglia di Londra nell’ex edificio Thomas Goode a Mayfair, la creazione di un centro d’arte su Isla del Rey a Minorca da ex edifici navali in disuso e la conversione di una storica fattoria del XVIII secolo in Hauser & Wirth Somerset, aperta nel 2014.

“Non nascondiamo che da alcuni anni”, afferma Iwan Wirth, presidente di Hauser & Wirth, “cerchiamo la casa perfetta per Hauser & Wirth a Parigi e sono lieto che la ricerca sia finita. Abbiamo un profondo rispetto per l’incredibile comunità culturale di Parigi. L’importanza della città per gli artisti è incontrastata nel corso dei secoli e non vediamo l’ora di arricchirla di questa ricca storia. Il nostro amore per Parigi va oltre i 30 anni della galleria e corrisponde a quello dei nostri artisti, molti dei quali sono già stati abbracciati dalla comunità artistica, dalle istituzioni e dai collezionisti parigini che sono molto favorevoli al nostro programma. In questo senso, la città è una scelta naturale per la galleria e non vediamo l’ora di presentare le prime mostre nel nostro bellissimo nuovo spazio”.

Hauser & Wirth è stata fondata nel 1992 a Zurigo da Iwan Wirth, Manuela Wirth e Ursula Hauser, a cui si sono uniti nel 2000 il partner e co-presidente Marc Payot. La galleria è un’azienda a conduzione familiare con una prospettiva globale: gli artisti e le sedi della galleria sono stati determinanti nel plasmare la sua identità in tre decenni e sono l’ispirazione per la vasta gamma di attività di Hauser & Wirth.

Nella foto, la nuova sede di Hauser & Wirth a Parigi.

Hauser & Wirth si espande e apre una nuova sede a Parigi
Hauser & Wirth si espande e apre una nuova sede a Parigi


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


La “panchina per chi ha una casa e chi non ce l'ha”: il nuovo progetto di Stefano Boeri
La “panchina per chi ha una casa e chi non ce l'ha”: il nuovo progetto di Stefano Boeri
Giulio Di Sturco, ovvero la fotografia per capire come sarà il futuro
Giulio Di Sturco, ovvero la fotografia per capire come sarà il futuro
Biennale di Venezia, Leoni d'Oro a Simone Leigh e alla Gran Bretagna
Biennale di Venezia, Leoni d'Oro a Simone Leigh e alla Gran Bretagna
Mark Bradford presenta online i suoi nuovi dipinti: i “Quarantine Paintings”
Mark Bradford presenta online i suoi nuovi dipinti: i “Quarantine Paintings”
Online la mostra in 3D del primo premio digitale per artisti. Ecco i finalisti
Online la mostra in 3D del primo premio digitale per artisti. Ecco i finalisti
La prima volta dell'Uganda: il Padiglione del paese africano alla Biennale di Venezia
La prima volta dell'Uganda: il Padiglione del paese africano alla Biennale di Venezia