I materiali dell'Arco di Trionfo impacchettato di Christo saranno riciclati per le Olimpiadi 2024


I materiali utilizzati per creare l’Arco di Trionfo impacchettato, l’ultima opera di Christo e Jeanne-Claude, saranno riciclati per realizzare tende e ombrelloni per Parigi in vista delle Olimpiadi del 2024.

I materiali che sono stati utilizzati nel 2021 per creare l’ultima opera di Christo e Jeanne-Claude, L’Arco di Trionfo impacchettato, svelata il 18 settembre 2021 a Parigi e durata sedici giorni, verranno riciclati in vista delle Olimpiadi del 2024. Lo ha reso noto ieri l’amministrazione comunale della capitale francese: il progetto di riutilizzo e riciclaggio sarà portato avanti in collaborazione con l’organizzazione Parley for the Oceans, una rete ambientale globale in cui creatori, pensatori e leader si uniscono per aumentare la consapevolezza sulla bellezza e la fragilità dei nostri oceani, collaborando al tempo stesso a progetti per porre fine alla loro distruzione e attivandosi per proteggere gli, l’ecosistema più grande e vitale della Terra, tramite un approccio basato sulla creatività, la collaborazione e l’ecoinnovazione.

“Christo e Jeanne-Claude si sono sempre impegnati a riutilizzare, riciclare e riciclare tutti i materiali utilizzati nei loro progetti”, ha detto Vladimir Yavachev, nipote di Christo e direttore del progetto per l’Arco di Trionfo. “Ora daremo una seconda vita all’Arco di Trionfo impacchettato con l’aiuto dei nostri partner. E cosa potrebbe esserci di più logico che riciclare quest’opera d’arte per un uso futuro a Parigi, una città che ha avuto una tale influenza sul vita e il lavoro di Christo e Jeanne-Claude? È un onore aver lavorato a stretto contatto con la sindaca di Parigi, Anne Hidalgo, e i suoi team, durante tutto il ciclo di vita di questo progetto, anche adesso con l’obiettivo di usi concreti previsti per futuri eventi pubblici”.

“Due anni dopo l’installazione dell’opera d’arte effimera L’Arco di Trionfo impacchettato”, commenta la sindaca Hidalgo, “sono molto felice che la nostra collaborazione con la Fondazione Christo e Jeanne-Claude continui offrendo una seconda vita ai materiali utilizzati per questo progetto straordinario. Grazie alla ONG Parley for the Ocean, che desidero ringraziare molto calorosamente, il tessuto e le corde saranno riciclati in ombrelloni, tende o tendoni per i nostri prossimi grandi eventi a Parigi, in particolare i Giochi Olimpici e Paralimpici del 2024. Questo è un ottimo esempio della capacità del mondo dell’arte di adattarsi alle questioni climatiche”.

Come per i progetti precedenti di Christo e Jeanne-Claude, tutti i materiali utilizzati per creare L’Arco di Trionfo impacchettato sono riutilizzati, riciclati e riciclati. Il legno e l’acciaio utilizzati per le sottostrutture del progetto sono già stati riutilizzati rispettivamente da Les Charpentiers de Paris, ArcelorMittal e Derichebourg Environnement. I 25.000 metri quadrati di tessuto in polipropilene blu-argento e 3.000 metri di corda in polipropilene rossa sono stati trasformati da Parley for the Oceans; inizia ora la fase di progettazione e produzione dei nuovi materiali.

"Quando ho visitato L’Arco di Trionfo impacchettato di Christo e Jeanne-Claude, due anni fa a Parigi, ho visto lì uno stendardo di ribellione”, ha dichiarato Cyrill Gutsch, fondatore e AD di Parley for the Oceans. “Un incoraggiamento affinché idee apparentemente impossibili diventino realtà, se le perseguiamo senza vacillare, senza arrenderci, rimanendo positivi e ottimisti. Le corde e il tessuto dell’opera d’arte parlano al vero superpotere che possediamo come esseri umani: l’immaginazione. Creeremo strutture di tende progettate per proteggere la vita umana dalle pericolose ondate di caldo , nonché per ricaricare il nostro cuori e menti per l’epica sfida che ci attende. Sono fiducioso che insieme possiamo creare una nuova economia in cui le pratiche commerciali dannose, tossiche e di sfruttamento rimangano una reliquia del passato”.

Immagine: Christo e Jeanne-Claude, L’Arco di Trionfo impacchettato (1961-2021). Foto: Wolfgang Volz

I materiali dell'Arco di Trionfo impacchettato di Christo saranno riciclati per le Olimpiadi 2024
I materiali dell'Arco di Trionfo impacchettato di Christo saranno riciclati per le Olimpiadi 2024


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020