A Milano nasce un murale ispirato a Casa Battló di Gaudì: è “The Vision” di Cheone


A Milano, la facciata laterale di Casa Maiocchi si colora del murale “The Vision” dello street artist pugliese Cheone. Un’opera realizzata per l’azienda MV Line Group e ispirata all’iconica Casa Battló di Gaudì.

Un murale ispirato a Casa Battló, il capolavoro di Antoni Gaudí a Barcellona: è The Vision, l’opera che lo street artist Cosimo Caiffa in arte Cheone (Gallipoli, 1979) ha da pochi giorni completato sulla facciata di Casa Maiocchi, edificio in Corso Porta Romana 113 a Milano. Inaugurata lo scorso 26 luglio, The Vision è una grande opera a trompe l’oeil che dà quasi l’impressione che le finestre del palazzo si stiano sciogliendo. È un’opera in cui passato e presente s’incontrano, perché Casa Maiocchi fu progettata in stile déco nel 1920 (e completata nel 1929) da uno dei maggiori architetti dell’epoca, Piero Portaluppi (Milano, 1888 - 1967), che per il suo palazzo scelse un armonioso equilibrio tra linee orizzontali e linee curve (quelle dei balconi e delle cornici delle finestre: si vedano per esempio la trifora sulla facciata principale e la finestra a trifoglio che la sovrasta), e Cheone ha omaggiato a suo modo l’opera.

The Vision distorce dunque le forme di Casa Maiocchi deformando linee e contorni, in un progetto che, come detto, trae ispirazione dalle creazioni di Gaudí. A commissionarlo per un progetto pubblicitario è l’azienda MV Line Group, marchio specializzato nella produzione industriale di sistemi filtranti ed oscuranti per l’edilizia residenziale: l’opera è stata realizzata in collaborazione con Street Art in Store, il team di artisti urbani di cui fa parte Cheone, e l’agenzia Clear Channel Italia. L’opera fa parte del progetto Pubblicità per la città, iniziativa di Audioutdoor e Clear Channel Italia, che si pone l’obiettivo di sottolineare l’importante ruolo svolto per la comunità dall’“Out of Home Advertising”, ovvero la pubblicità di strada, quella fatta per i consumatori che si trovano, appunto, fuori di cas. Parte degli investimenti in comunicazione outdoor finanzia infatti i servizi al cittadino come la mobilità e l’arredo urbano.

Il mural advertising è ormai parte integrante degli asset di Clear Channel Italia è, secondo l’agenzia, è la perfetta espressione degli obiettivi dell’azienda: essere una “Plaform for Brands” e una “Platform for Good”, offrire soluzioni di comunicazione sempre più innovative e al contempo avere un impatto positivo sulla comunità. Per sua natura, inoltre, il murales ha il vantaggio di coniugare arte e pubblicità e di integrarsi con armonia nell’arredo urbano. Ecco quindi perché trasformare una parete in un’opera d’arte è un esempio di come la pubblicità può superare i confini tradizionali e divenire veicolo di arte.

E in effetti, The Vision è già diventata una delle opere più fotografate del momento. Cheone, dal canto suo, si è limitato a ringraziare i suoi partner nel progetto, e gli abitanti di Porta Romana per la loro disponibilità.

Nella foto: l’opera di Cheone

A Milano nasce un murale ispirato a Casa Battló di Gaudì: è “The Vision” di Cheone
A Milano nasce un murale ispirato a Casa Battló di Gaudì: è “The Vision” di Cheone


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma