Monica Bonvicini presenta la sua nuova installazione: The Waiting


In Francia, nello studio di Anselm Kiefer a La Ribaute, Monica Bonvicini presenta la sua nuova installazione, intitolata The Waiting: un’opera che gioca con le paure e le aspettative, le curiosità e le esitazioni, e che parla di attese. 

Monica Bonvicini, la grande artista italiana vincitrice nel 2020 del Kokoschka Prize, presenta una nuova installazione: si tratta di The Waiting, esposta presso lo studio di Anselm Kiefer a La Ribaute in Barjac, in Francia.

In The Waiting, una struttura di ringhiera in acciaio inossidabile domina il centro dello spazio. L’elemento centrale è preso in prestito dalla microarchitettura, onnipresente negli aeroporti, nelle stazioni, alle casse e altro: luoghi dove solitamente si organizzano masse di persone, spesso costrette in fila d’attesa. Ma più ci si avvicina, più iniziano a sorgere alcune interferenze con questa immagine comune. In The Waiting, le sbarre sono piegate e un paio di manette sono appese a una catena, creando una scenografia minimale ma inquietante, che parla di conflitto, fuga, e disobbedienza.

The Waiting è posizionata sopra una scala nel pavimento per suggerire un tunnel sotterraneo, una via di fuga; un ingresso o un’uscita? L’attrito tra la sensazione di protezione e la scultura da cui pendono le manette spalancate, intende provocare negli spettatori molteplici speculazioni: cosa è successo? Cosa accadrà? Queste le domande che Monica Bonvicini cerca di instillare nel pubblico.

L’artista veneziana, che usa spesso materiali da costruzione per le sue installazioni artistiche, considera quest’opera come una continuazione concettuale di due dei suoi pezzi storici: Stairway to Hell del 2003 e SCALE OF THINGS (to come) ddel 2010, che affrontano entrambi le false promesse del mercato e certi problematici scenari urbanistici; l’artista spinge lo spettatore a pensare non solo alla scala dell’architettura fisica (sempre stimata come la più alta, la più grande, la più lussuosa ecc.) ma anche alla scala dei cambiamenti sociali, operati dal disegno urbanistico liberale, come conseguenza che viene quasi sempre ignorata.

A La Ribaute, l’opera site-specific The Waiting gioca con le paure e le aspettative, le curiosità e le esitazioni, puntando a generare interrogativi sulla società, sull’eros, sulla violenza: se percepiti come corpi sensibili, architettura e opera si alimentano a vicenda, attivandosi pienamente solo con il presenza del visitatore.

Nell’immagine: Monica Bonvicini, The Waiting (2022; acciaio inossidabile, catene e manette, 86 x 174 x 468 cm)

Monica Bonvicini presenta la sua nuova installazione: The Waiting
Monica Bonvicini presenta la sua nuova installazione: The Waiting


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Quattro opere d'arte contemporanea nel cuneese per i 30 anni di Fondazione CRC
Quattro opere d'arte contemporanea nel cuneese per i 30 anni di Fondazione CRC
USA, Pace Gallery lancia azienda dedicata alla progettazione di spazi d'arte immersiva
USA, Pace Gallery lancia azienda dedicata alla progettazione di spazi d'arte immersiva
Hauser & Wirth si espande e apre una nuova sede a Parigi
Hauser & Wirth si espande e apre una nuova sede a Parigi
Uno spettacolare murale che si fonde col paesaggio è stato realizzato in Basilicata
Uno spettacolare murale che si fonde col paesaggio è stato realizzato in Basilicata
Il Terzo Paradiso di Pistoletto arriva a Courmayeur. E rimarrà per almeno quindici anni
Il Terzo Paradiso di Pistoletto arriva a Courmayeur. E rimarrà per almeno quindici anni
Ecco l'ultima opera di Edoardo Tresoldi: il colonnato sul lungomare di Reggio Calabria
Ecco l'ultima opera di Edoardo Tresoldi: il colonnato sul lungomare di Reggio Calabria