Nasce Art.Live, visite guidate online in diretta alle mostre. Si parte con Monet


Arthemisia lancia Art.Live, visite guidate online in diretta alle mostre in corso. Si parte con Monet e gli impressionisti. 

Nasce Art.Live, il nuovo modo per visitare le mostre e partecipare a esclusive visite guidate in diretta. Arthemisia lancia infatti il nuovo format che permette di godere dell’arte attraverso i propri dispositivi, in attesa che i musei e le mostre di tutta Italia riaprano le porte ai visitatori. 

Si tratta di visite guidate online in diretta che aggiungono alla presenza di contenuti virtuali disponibili sul web l’esperienza attiva, cercando di offrire la stessa sensazione che si prova in una visita guidata dal vivo. La diretta rende reale l’esperienza e, nonostante centinaia di persone siano collegate contemporaneamente, è come compiere una visita privata ed esclusiva, al termine della quale è possibile fare domande e approfondire i temi della mostra. 

Per partecipare si acquista il biglietto al prezzo di 5 euro, si prenota la visita e ci si connette infine semplicemente in qualsiasi luogo e da soli o in compagnia per vivere l’esperienza di un viaggio nelle sale di una mostra, accompagnati da guide esperte

Si inizierà con due appuntamenti (il 24 e il 31 gennaio alle ore 18) dedicati a Monet e ai più grandi impressionisti attraverso oltre cinquanta splendidi capolavori, raccontati dal divulgatore d’arte Sergio Gaddi. 

A breve prenderanno il via anche le visite guidate in diretta alla scoperta dei grandi capolavori de Le Signore dell’Arte. Storie di donne tra ’500 e ’600 (in prossima apertura a Palazzo Reale di Milano) e Manolo Valdés. Le forme del tempo (allestita al Museo di Palazzo Cipolla di Roma).

“Sono molto orgogliosa di questo progetto” ha commentato Iole Siena, Presidente del Gruppo Arthemisia. “Ho osservato le tante cose offerte da internet in questo periodo, ma non mi convincevano, mancava qualcosa. La gratuità e l’accesso libero sminuiscono il valore dell’offerta, che peraltro è talvolta autoreferenziale e noiosa. Ho voluto sperimentare le visite in diretta senza aver nessun riferimento perché nessuno lo ha fatto prima di noi, e sono rimasta colpita dal seguito che abbiamo avuto. E la cosa che più mi piace di questo nuovo progetto, è che non finirà con il Covid, ma anzi si svilupperà sempre di più allargando il bacino di utenza delle mostre. La visita in diretta online non è un sostituto della visita ”vera“, ma consente a tutti di vedere quelle mostre che non si potranno visitare per i motivi più diversi. Vedo del grande potenziale in questo progetto, e il mio obiettivo è di far visitare in questo modo tutte le mostre del mondo”. 

Il progetto di Art.Live è stato sperimentato durante le vacanze natalizie con la mostra Monet e gli impressionisti, allestita a Bologna. Oltre tremila biglietti sono stati venduti in pochissimi giorni, anche all’estero, con enorme apprezzamento del pubblico. 

L’acquisto dei biglietti per Art.Live con Monet è disponibile fino alle ore 14 di ciascuna data su www.arthemisia.it o www.palazzoalbergati.com; si riceverà a partire dalle ore 15 del giorno dell’evento, da Zoom la mail con il link e le credenziali di accesso per partecipare alla visita in diretta. Per partecipare alla diretta è necessario scaricare la app Zoom. 

Immagine: Claude Monet, Il treno nella neve. La locomotiva (1875; olio su tela, 59 x 78 cm;  Parigi, Musée Marmottan Monet © Musée Marmottan Monet, Paris / Bridgeman Images.

Nasce Art.Live, visite guidate online in diretta alle mostre. Si parte con Monet
Nasce Art.Live, visite guidate online in diretta alle mostre. Si parte con Monet


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma