Tredici opere da realizzare nel museo d'arte contemporanea a cielo aperto Fiumara d'Arte. Ecco il bando


L’Università degli Studi di Messina lancia un bando per la realizzazione di tredici opere da realizzare nel museo d’arte contemporanea a cielo aperto Fiumara d’Arte.

Il Dipartimento di Civiltà antiche e moderne dell’Università degli Studi di Messina ha indetto un concorso rivolto ad artisti per ideare e realizzare tredici opere d’arte di design urbano, ambientale e della luce volte alla rigenerazione del museo a cielo aperto d’arte contemporanea Fiumara d’Arte

Le opere saranno realizzate e inizialmente collocate nelle aree circostanti e prossime alle sculture monumentali già esistenti: Monumento ad un Poeta Morto di Tano Festa, La Materia Poteva non Esserci di Pietro Consagra, Piramide – 38° Parallelo di Mauro Staccioli, Energia Mediterranea di Antonio Di Palma, Stanza di Barca d’Oro di Hidetoshi Nagasawa, Una curva gettata alle spalle del tempo di Paolo Schiavocampo, Labirinto di Arianna di Italo Lanfredini, Arethusa di Piero Dorazio e Graziano Marini, La via della Bellezza di quaranta artisti, appartenenti al ciclo monumentale di Fiumara d’Arte nel comprensorio di Tusa (Messina).

Il bando è volto alla realizzazione di veri belvedere dell’anima, installazioni temporanee che siano in linea spirituale e fisica con le opere già esistenti, che rifunzionalizzino ciò che è presente e, nel contempo, precostituiscano la possibilità di esportare emozioni e manufatti in altri luoghi.

Il concorso si articola in tre diverse sezioni tematiche: Design urbano - sculture monumentali; Design paesaggistico e ambientale - installazioni ambientali; Lighting design - installazioni monumentali di luce. Per la prima sezione le opere dovranno essere ispirate alla visione di Jerry Spencer che interpreta il design urbano come “creazione del teatro dela vita pubblica”, e dovranno ispirare ai visitatori il sensoo della contemporaneità, nonché rappresentare uno strumento funzionale di aggregazione e di stimolo alla riflessione; per la seconda sezione le opere dovranno essere ispirate alla creazione di “giardini della conoscenza” e belvedere dell’anima, richiamando l’ideale di bellezza naturale; per la terza sezione le opere dovranno essere in grado di creare atmosfera e di stimolare una riflessione con valore monumentale (scritture di luce nel paesaggio naturale o urbano. Inoltre, si dovranno agevolare interpretazioni in realtà aumentata che richiamino lo spirito generale del bando). Le opere da realizzare sono suddivise in due sottosezioni: Junior (aperta ad artisti, architetti e designer nati dopo il 31 dicembre 1979) e Senior (aperta a noti maestri artisti, architetti e designer, di qualsiasi età, nonché a società). Ogni partecipante può concorrere singolarmente o in gruppo.

Le opere dovranno inoltre essere ben visibili sia di giorno sia di notte, pertanto la realizzazione si intende comprensiva dell’eventuale pannello luminoso o dell’impianto di illuminazione. Si dovrà prevedere anche interventi didattici, parallelamente alla realizzazione dell’opera: ciascun cantiere infatti ospiterà studenti partecipanti a una Scuola d’Eccellenza organizzata dall’Università degli Studi di Messina e gli artisti dovranno integrare il proprio lavoro con lezioni e fasi di tutorato, per la durata massima del tempo dell’esecuzione dei lavori.

La domanda di partecipazione dovrà essere presentata entro le ore 13 dell’11 marzo 2021

A questo link il bando.

Nell’immagine, il Labirinto di Arianna Ph.Credit Davide Mauro

Tredici opere da realizzare nel museo d'arte contemporanea a cielo aperto Fiumara d'Arte. Ecco il bando
Tredici opere da realizzare nel museo d'arte contemporanea a cielo aperto Fiumara d'Arte. Ecco il bando


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma