Firenze, Ferragamo restaura i gruppi scultorei di piazza della Signoria con un milione di euro


Ferragamo restaura i gruppi scultorei di piazza della Signoria con un milione di euro. Il Comune di Firenze annuncia l’avvio del progetto.

Il Comune di Firenze ha annunciato l’avvio del progetto di restauro dei grandi gruppi scultorei di piazza della Signoria e della copia del David di piazzale Michelangelo grazie all’erogazione concessa dalla Salvatore Ferragamo spa con l’Art Bonus, che ammonta a 1.093.750, per il triennio 2019-2021. L’accordo prevede il restauro della statua equestre in bronzo di Cosimo I de’ Medici del Giambologna, dell’Ercole e Caco di Baccio Bandinelli, della copia del David di Michelangelo e della copia della Giuditta e Oloferne di Donatello che si in piazza della Signoria (la prima al centro della piazza, la seconda e la terza vicino all’ingresso di Palazzo Vecchio, la quarta sull’Arengario di Palazzo Vecchio), a cui si aggiunge il restauro della copia bronzea del David situata in piazzale Michelangelo. Al momento i dettagli degli interventi non sono ancora stati diffusi.

“Siamo davvero lieti che la Maison Ferragamo abbia a cuore i nostri beni artistici e che voglia continuare, con intuito e sensibilità, essere al nostro fianco per una nuova operazione di restauro che è anche una prova di vero amore per la città”, hanno dichiarato il sindaco Dario Nardella e l’assessore alla cultura Tommaso Sacchi. “Dopo la splendida fontana dell’Ammannati recentemente inaugurata dopo l’accurato restauro, vedremo una Piazza Signoria completamente rinnovata e le nostre statue più care risplendere come un tempo”.

“Per la nostra Azienda”, afferma Ferruccio Ferragamo, presidente della Salvatore Ferragamo, “moda e arte sono sempre state attività fortemente legate fra loro: fin dall’inizio della sua attività, mio padre Salvatore intuì lo stretto rapporto fra questi due mondi in termini di ricerca e creatività e durante tutto il suo percorso ha trovato ispirazione e spunti geniali nelle diverse espressioni dell’arte. Il rapporto con l’arte, con la città di Firenze e con tutto il suo territorio è quindi parte del nostro DNA e con questa scelta abbiamo voluto proseguire il percorso che mia madre e mio padre avevano iniziato a tracciare. L’Italia è un Paese con un patrimonio artistico inestimabile e credo fortemente che la sua salvaguardia sia una priorità e un dovere di tutti noi”.

Nell’immagine: la copia del David e l’Ercole e Caco di Baccio Bandinelli davanti all’ingresso di Palazzo Vecchio. Ph. Credit

Firenze, Ferragamo restaura i gruppi scultorei di piazza della Signoria con un milione di euro
Firenze, Ferragamo restaura i gruppi scultorei di piazza della Signoria con un milione di euro


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Ci lascia Nicola Carrino, artista e Accademico di San Luca
Ci lascia Nicola Carrino, artista e Accademico di San Luca
Lucca, termina il restauro dell'Oratorio degli Angeli Custodi: il gioiello barocco ora riapre al pubblico
Lucca, termina il restauro dell'Oratorio degli Angeli Custodi: il gioiello barocco ora riapre al pubblico
Storica dell'arte italo-olandese emigrata in Scozia scopre il più antico disegno che raffigura Venezia
Storica dell'arte italo-olandese emigrata in Scozia scopre il più antico disegno che raffigura Venezia
Napoli, Jorit dedica un murale a Ilaria Cucchi
Napoli, Jorit dedica un murale a Ilaria Cucchi
Un museo virtuale con le opere di Raffaello di tutto il mondo. Musement lancia Raffaello500
Un museo virtuale con le opere di Raffaello di tutto il mondo. Musement lancia Raffaello500
L'incredibile storia del frammento di Federico Barocci ritrovato
L'incredibile storia del frammento di Federico Barocci ritrovato